domenica 04 dicembre | 15:25
pubblicato il 20/mag/2015 10:30

Istat: dal 2008 persi 2 mln di occupati tra gli under 35

Il tasso di occupazione sotto il 40% l'anno scorso

Istat: dal 2008 persi 2 mln di occupati tra gli under 35

Roma, 20 mag. (askanews) - Sono i giovani a pagare il prezzo più salato della lunga crisi economica. Tra il 2008 e il 2014 gli occupati under 35 sono scesi di quasi 2 milioni (-27,7%) a fronte di un calo della popolazione nella stessa fascia di età di 947mila (-6,8%). L'esercito dei giovani che lavorano è stato decimato dalla profonda recessione e in sei anni il tasso di occupazione degli under 35 è sceso di 11,3 punti percentuali al 39,1% l'anno scorso. E' quanto emerge dal rapporto 2014 dell'Istat che tuttavia rileva come la contrazione dell'indicatore si è decisamente attenuata (-0,8 punti percentuali) nel 2014 fino ad invertire la tendenza nel quarto trimestre (+0,3 punti).

La crisi non ha risparmiato neanche gli adulti tra 35 e 49 anni soprattutto gli uomini mentre gli over 50 sono l'unica classe di età con gli occupati in costante crescita (+7,7 punti in sei anni e +2,2 punti solo nel 2013). La crescita tuttavia è dovuta all'inasprimento dei requisiti per accedere alla pensione e al ritardato ingresso nel mondo del lavoro dei più istruiti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari