domenica 11 dicembre | 11:18
pubblicato il 11/mar/2013 15:58

Istat: Cia, agricoltura chiude 2012 a -7,3%. Pesano costi e maltempo

Istat: Cia, agricoltura chiude 2012 a -7,3%. Pesano costi e maltempo

(ASCA) - Roma, 11 mar - Con 17mila imprese in meno, aumenti record dei costi di produzione e meteo sfavorevole il settore agricolo ha perso in un anno il 7,3% del suo valore aggiunto e vede ora accrescere le preoccupazioni in virtu' dell'incertezza del 'dopo voto'. Sono le valutazioni della Confederazione italiana agricoltori (Cia) a commento dei dati definitivi del Pil nel quarto trimestre diffusi oggi dall'Istat. ''L'agricoltura archivia il 2012 con forti segnali d'affanno. Dopo aver trainato la crescita per tutta la prima meta' dell'anno, anche il settore primario cede ai colpi della crisi e paga con un brusco calo del valore aggiunto (-7,3 %) i costi produttivi record sui campi, i pesanti oneri fiscali e gli effetti negativi del maltempo sui raccolti''o afferma il presidente Cia, Giuseppe Politi, in una nota ''Le aziende agricole fanno sempre piu' fatica a stare sul mercato -sottolinea Politi - schiacciate prima di tutto dal peso dei costi di produzione. Nel corso del 2012, infatti, sono aumentate tutte le principali voci di spesa agricole: l'energia e' lievitata dell'11,4%, i concimi del 6,2%, le sementi del 6% e i mangimi del 5,5%''. Inoltre, ''l'Imu ha rincarato la dose, con un aumento di 130 milioni di euro solo per il gettito dei terreni agricoli - continua il presidente della Cia - mentre il ''credit crunch' ha ormai raggiunto livelli insostenibili, con 3 imprese su 5 che denunciano difficolta' enormi nell'accesso a finanziamenti e prestiti''.

A tutto questo bisogna aggiungere gli effetti del maltempo: ''Gelo polare, alluvioni e siccita' estiva hanno causato danni enormi alle produzioni nazionali - ricorda Politi - con la perdita di un terzo dei raccolti di mais e di quasi la meta' della soia, oltre ad aver inciso sulla vendemmia con una riduzione dei quantitativi dell'8% e ad aver 'tagliato' del 15% le coltivazioni di pomodoro da industria''.

''Tutti questi fattori negativi hanno portato quasi 17mila aziende agricole e chiudere i battenti nel 2012 e oggi continuano a frenare ogni slancio imprenditoriale. Senza contare che la confusione del quadro politico post elezioni, con il rischio ingovernabilita', aumenta le preoccupazioni di aziende e agricoltori. Per questo - conclude Politi - auspichiamo una soluzione condivisa che permetta alla politica di rimettere al centro del dibattito la crisi dei settori produttivi, a cominciare dall'agroalimentare. Non e' pensabile disperdere una risorsa economica fondamentale per la ripresa del Paese che vale il 15% del Pil'', conclude il presidente Cia. com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina