martedì 06 dicembre | 11:20
pubblicato il 25/lug/2014 16:57

Istat: anticipato al 22/9 rilascio nuovi conti economici nazionali

(ASCA) - Roma, 25 lug 2014 - L'Istat comunica di aver deciso di modificare il calendario di rilascio dei nuovi conti economici nazionali secondo il Sec2010, anticipando la diffusione dei dati al 22 settembre 2014 (alle ore 11), dal 3 ottobre previsto. ''Cio' allo scopo - spiega l'Istat - di fornire le informazioni necessarie alla costruzione di un quadro macroeconomico aggiornato, a sua volta necessario per la predisposizione di documenti programmatici basati su un quadro informativo aggiornato e coerente''. Inoltre, il 9 settembre sara' pubblicata una prima nota che fornira' i dettagli relativi alla stima dei livelli degli aggregati economici relativi all'anno di benchmark dei nuovi conti nazionali (2011). Il calendario di diffusione delle serie storiche ricostruite verra' comunicato nei prossimi giorni.

com-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Riforme
Referendum, i mercati puntano su nuovo governo in tempi rapidi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari