domenica 11 dicembre | 03:44
pubblicato il 11/feb/2014 16:50

Istat: allarme povertà, metà famiglie vive con 2.000 euro

I dati Istat disegnano quadro inquietante al sud

Istat: allarme povertà, metà famiglie vive con 2.000 euro

E' allarme povertà in Italia, soprattutto al Sud. Nel 2012 le famiglie in condizioni di povertà relativa erano il 12,7 per cento, pari ad oltre 9,5 milioni di individui. La povertà assoluta coinvolge il 6,8 per cento delle famiglie italiane. Lo dice l'Istat nel rapporto "Noi Italia" sottolineando che nel 2011 la metà delle famiglie vive con 2.000 euro al mese.Il Sud presenta una situazione particolarmente svantaggiata, con in media oltre un quarto di famiglie povere; per il Centro e il Nord sono il 7,1 e 6,2 per cento).Nel 2011 il 50 per cento delle famiglie ha percepito meno di 23.000 euro. In Campania c'è la più elevata diseguaglianza nella distribuzione del reddito mentre in Sicilia si registra il reddito medio annuo più basso.Nel 2012 quasi il 25% per cento delle famiglie residenti in Italia presentava almeno tre delle difficoltà considerate nel calcolo dell indice sintetico di deprivazione, in aumento rispetto all anno precedente.

Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina