martedì 24 gennaio | 16:40
pubblicato il 22/mag/2013 11:02

Istat: +5% disoccupazione giovani 2012. Italia prima in Ue per ''Neet''

Istat: +5% disoccupazione giovani 2012. Italia prima in Ue per ''Neet''

(ASCA) - Roma, 22 mag - Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 29 anni tra il 2011 e il 2012 e' aumentato di quasi 5 punti percentuali, dal 20,5 al 25,2% (dal 31,4 al 37,3% nel Mezzogiorno). Dall'inizio della crisi, nel 2008, l'incremento registrato e' di ben dieci punti percentuali. L'Italia ha, inoltre, la quota piu' alta d'Europa (23,9%) di giovani 15-29enni che non lavorano ne' frequentano corsi di istruzione o formazione (i cosiddetti Neet, Not in Education, Employment or Training): si tratta di 2 milioni e 250 mila giovani. Tra il 2011 e il 2012, inoltre, il numero di Neet e' aumentato del 4,4%. Lo attesta il 'Rapporto annuale 2013 - La situazione del Paese' redatto dall'Istituto nazionale di statistica (Istat) presentato oggi a Montecitorio. Negli anni della crisi le opportunita' di ottenere o conservare un impiego per i giovani si sono significativamente ridotte: tra il 2008 e il 2012 gli occupati 15-29enni sono diminuiti di 727 mila unita' (di cui 132 mila unita' in meno nell'ultimo anno) e il tasso di occupazione dei 15-29enni e' sceso di circa 7 punti percentuali (-1,2% nell'ultimo anno) raggiungendo il 32,5%. Lo stesso dato nel 2012 si attesta, invece, al 72,7% per i 30-49enni e al 51,3% per i 50-64enni.

La laurea protegge di piu' dagli eventi negativi del mercato del lavoro: il divario tra tassi di occupazione dei 20-34enni laureati e diplomati da non piu' di tre anni in Italia e' in forte e continua crescita (da 5,4 punti percentuali del 2006 a 15 punti del 2011), sia per le donne che, in misura piu' accentuata, per gli uomini. Dalle rilevazioni dell'Istat emerge, infine, che alcuni effetti della crisi sulle opportunita' di sbocco dei laureati avrebbero enfatizzato il ruolo dell'estrazione sociale, che incrementa, a favore delle classi piu' alte, la probabilita' di trovare lavoro o di ottenere una retribuzione piu' elevata: cio' influisce negativamente sulla mobilita' sociale.

stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4