sabato 21 gennaio | 03:34
pubblicato il 30/ott/2014 18:43

Istat: 28,4% italiani a rischio povertà o esclusione sociale

Al Sud al 46,2%, valore più che doppio rispetto a resto del Paese

Istat: 28,4% italiani a rischio povertà o esclusione sociale

Milano, 30 ott. (askanews) - Nel 2013 il 28,4% della popolazione italiana è a rischio di povertà o esclusione sociale. Lo ha rilevato l'Istat nel suo report annuale su reddito e condizioni di vita. Secondo l'Istat al sud il dato raddoppia.

Rispetto al 2012, l'indicatore è diminuito di 1,5 punti percentuali, ma a livello nazionale. Il rischio di povertà o esclusione sociale ha mostrato la diminuzione più accentuata al Centro e al Nord, mentre nel Mezzogiorno, si è registrata una diminuzione del 3,7%, e il valore si è attestato al 46,2% (più che doppio rispetto al resto del Paese).

La metà delle famiglie italiane vive con 2.000 euro al mese, ma nelle isole e nelle regioni meridionali lo stipendio medio di un nucleo familiare l'anno scorso è stato di 1.663 euro.

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4