venerdì 20 gennaio | 19:47
pubblicato il 30/apr/2015 10:10

Istat: -59mila occupati a marzo, presto per effetti Jobs act

Permangono le "difficoltà"

Istat: -59mila occupati a marzo, presto per effetti Jobs act

Roma, 30 apr. (askanews) - Continua a calare l'occupazione in Italia. A marzo gli occupati sono diminuiti di 59mila unità su base mensile. E' quanto emerge dalla stima provvisoria diffusa dall'Istat. "E' presto per vedere i risultati del Jobs act", fanno notare i tecnici dell'Istituto spiegando che il provvedimento è entrato in vigore "il 6 marzo e per far ripartire il mercato del lavoro ci vuole tempo".

In un anno si sono persi 70mila occupati. A marzo il tasso di occupazione è sceso al 55,5%.

Dalla produzione "i segnali sono ancora deboli", hanno sottolineato i tecnici dell'Istat e, dunque, "servirà più tempo per far ripartire il mercato del lavoro che permane in difficoltà".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4