sabato 21 gennaio | 03:38
pubblicato il 15/nov/2013 11:41

Ismea: a ottobre si allarga divario negativo prezzi agricoli -4% annuo

(ASCA) - Roma, 15 nov - Ottobre chiude con un lieve rialzo mensile dei prezzi dei prodotti agricoli alla prima fase di scambio. Ma su base annua si amplia il divario negativo gia' emerso con la rilevazione di settembre. Lo rende noto l'Ismea sulla base dell'indice delle quotazioni all'origine dei prodotti agricoli che a ottobre si e' portato a 135,1 facendo segnare un piu' 0,6% mensile e una contrazione del 4% rispetto a un anno fa.Il calo tendenziale e' stato ancora determinato da una caduta dei listini delle coltivazioni, scesi del 6,4% rispetto a ottobre 2012. Anche l'aggregato zootecnico ha registrato una flessione su base annua seppure di minore entita' (-1,3%). Scendendo nel dettaglio, tra le colture vegetali si conferma il calo significativo delle quotazioni cerealicole (-18,9% sempre rispetto ad ottobre 2012), condizionate dall'ondata di ribassi sui mercati internazionali. Variazioni di segno negativo hanno riguardato anche le altre produzioni vegetali: si va dal meno 10,7% delle coltivazioni industriali al meno 1,8% della frutta.

Solo i prezzi dei vini restano in territorio positivo con un +2% nei confronti di ottobre 2012. Sui mercati zootecnici Ismea rileva cedimenti generalizzati per bestiame vivo e uova (-5,6% in media), con flessioni del 13,8% per i suini, del 6% per gli ovi-caprini e del 6,7% per le uova. Ancora negativo il dato tendenziale dei bovini che in un anno arretrano dell'1,2%. In controtendenza i lattiero-caseari (+4,7%), con punte del +38% per il burro.

Tra i formaggi a pasta dura si rilevano andamenti contrapposti, con il Pecorino romano rincarato in un anno del 19,1%, a causa della minore offerta, e Parmigiano reggiano e Grana padano scesi in media del 2,7% e del 3,5%.

Passando all'analisi della dinamica congiunturale, l'incremento mensile dell'indice e' la sintesi di andamenti opposti tra l'aggregato vegetale (+2,7% su settembre 2013) e quello zootecnico (-1,4%). Nel primo caso, il contributo positivo proviene unicamente dai prodotti ortofrutticoli, con ortaggi e frutta in crescita rispettivamente dell'11,4% e del 9,6%, grazie prevalentemente all'avvio della campagna di commercializzazione per diverse varieta' autunno-vernine.

Flettono invece i cereali (-2,9%), i vini (-0,7%) e le colture industriali (-0,2%). Pesante la caduta dei prezzi per gli oli di oliva (-7,3%), in un mercato influenzato dalle attese di una produzione spagnola in forte aumento.

Il comparto zootecnico evidenzia cali mensili anche di un certo peso tra gli animali vivi. In particolare i suini accusano una flessione delle quotazioni del 14,5%, da ricondurre esclusivamente ai capi da macello interessati nei mesi scorsi da aumenti piuttosto significativi. Piu' contenuti i cali per avicoli ( -4,4%), bovini (-0,5%) e ovi-caprini (-0,2%). In controtendenza i conigli (+16,6%) e le uova (+4%), mentre il comparto lattiero-caseario chiude con un aumento medio dei prezzi dello 0,8% su base mensile.

com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4