giovedì 08 dicembre | 15:41
pubblicato il 23/lug/2014 10:39

Ismea: a giugno indice prezzi agricoli -4%. Su anno -8,7%

(ASCA) - Roma, 23 lug 2014 - L'indice Ismea dei prezzi all'origine dei prodotti agricoli si e' attestato a giugno a 110,3, facendo segnare una contrazione del 4% rispetto a maggio e dell'8,7% su base annua. Lo comunica l'Ismea.

Tra le coltivazioni che, nel complesso hanno ceduto in un mese l'8,1%, si registrano forti riduzioni dei prezzi nel comparto frutticolo (-18,7% in media), in un mercato caratterizzato da un surplus di offerta per le produzioni estive rispetto alle capacita' di assorbimento della domanda.

In forte calo anche gli ortaggi, che hanno perso mediamente il 16% su base mensile, mentre emergono flessioni piu' contenute, ma comunque significative, per cereali (-4,8%), semi oleosi (-5,7%) e vini (-2,3%). In controtendenza solo i listini degli oli di oliva, rincarati del 3% rispetto a maggio.

Nel comparto zootecnico la dinamica mensile mostra una flessione dei prezzi dello 0,2%, sintesi di una riduzione dello 0,7% dei lattiero-caseari e di un apprezzamento dello 0,2% del bestiame vivo. Piu' in dettaglio, bovini e ovi-caprini arretrano rispettivamente dello 0,9% e del 3,8%, mentre suini e avicoli spuntano in media aumenti del 3,4% e del 2,5% (-0,3% i prezzi delle uova).

L'andamento tendenziale dell'indice Ismea rivela, quest'anno, uno scenario di forte peggioramento per le produzioni vegetali. La frutta ha ceduto in media il 23,8% su giugno 2013, con ribassi compresi tra il -5,1% delle ciliegie il -42% delle albicocche e nettarine. Ancora piu' accentuate le riduzioni di prezzo per le coltivazioni orticole (-26,8% in media rispetto all'anno scorso), in una fase negativa che ha coinvolto tutti i prodotti di stagione. Riduzioni a due cifre si registrano a giugno anche per vini (-16,1% tendenziale), semi oleosi (-19,8%) e cereali (-10,9), mentre aumentano dell'1,9% gli oli di oliva.

Riguardo alle produzioni zootecniche, che hanno spuntato in media uno 0,3% rispetto a giugno 2013, a sostenere i listini e' stata unicamente la componente lattiero-casearia (+4,1%), mentre animali vivi e uova hanno perso rispettivamente il 2,7% e il 4,2% su giugno 2013. com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni