martedì 06 dicembre | 09:34
pubblicato il 22/feb/2012 12:24

Ippica/ Disastro a gennaio, incassi a -56% su stesso mese 2011

Lo sciopero delle categorie ha incide negativamente su bilancio

Ippica/ Disastro a gennaio, incassi a -56% su stesso mese 2011

Roma, 22 feb. (askanews) - Gennaio disastroso per l'ippica italiana. Lo sciopero delle categorie che è andato avanti per oltre 40 giorni e che ha portato alla chiusura degli ippodromi italiani, non ha permesso di disputare alcuna corsa né di galoppo né di trotto. Il movimento di gioco degli scommettitori si è pertanto riversato interamente sugli eventi esteri e ha registrato un calo di quasi il 56% sul 2011, fermandosi a quota 60.989.965 euro. Il totale delle corse estere a gennaio è, in compenso, raddoppiato rispetto allo stesso periodo del 2011. Le corse disputate all'estero sono passate dalle 552 di gennaio 2011 fino alle 1253 di quest'anno (+127%). (fonte: Agicos)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Casa
Ag. Entrate: mercato immobiliare in rialzo, nel III trim. +17,8%
Riforme
Referendum, i mercati puntano su nuovo governo in tempi rapidi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari