venerdì 09 dicembre | 18:14
pubblicato il 28/mag/2013 12:39

Intesa SP: si rafforza nell'asset management con nuovo polo Est Europa

Intesa SP: si rafforza nell'asset management con nuovo polo Est Europa

(ASCA) - Roma, 28 mag - Il Gruppo Intesa Sanpaolo si rafforza nell'asset management attraverso la costituzione del nuovo polo nell'Est Europa (HUB), frutto della collaborazione strategica di Eurizon Capital con la Divisione Banche Estere, che consolidera' tutte le attivita' del settore nell'area.

L'HUB nasce da un progetto di razionalizzazione delle partecipazioni esistenti nell'ambito del quale VUB Asset Management, societa' slovacca con sede a Bratislava, assume il ruolo di sub holding a cui fanno capo l'ungherese CIB Investment Fund Management e la croata PBZ Invest.

Le tre societa' al 31 marzo 2013 avevano asset under management complessivi per circa 2 miliardi di euro che confluiscono nel perimetro di Eurizon Capital SGR.

Il polo e' controllato da Eurizon Capital SGR con il 50,1%, attraverso la societa' Lussemburghese Eurizon Capital SA, e partecipato per il 40.6% dalla banca slovacca VUB Bank (Vseobecna' U'verova' Banka) e per il 9.3% dalla croata PBZ Bank (Privredna Banka Zagreb).

I principali obiettivi del progetto - parte integrante delle linee di sviluppo strategico di Intesa Sanpaolo e finalizzati all'ulteriore rafforzamento dell'internazionalizzazione del Gruppo attualmente presente in oltre 40 Paesi - sono consolidare e rafforzare le attivita' di asset management del Gruppo in Slovacchia, Ungheria e Croazia sviluppando il risparmio gestito nei Paesi dell'Est Europa; migliorare la qualita' dei servizi e l'innovazione di prodotto, adottando metodologie per la gestione degli investimenti e la misurazione dei rischi coerenti con le best practice di mercato; razionalizzare l'assetto produttivo conseguendo sinergie di costo.

Gli organi societari dell'HUB sono il Supervisory Board, con funzione di indirizzo e controllo, e il Management Board, con funzione di gestione operativa.

Il Supervisory Board e' presieduto dal Prof. Daniel Gros, Direttore del CEPS (Centro per gli Studi delle politiche europee) e Vice Presidente (indipendente) di Eurizon Capital SGR ed Eurizon Capital SA, e i suoi membri sono il Prof.

Giorgio Di Giorgio (Universita' LUISS di Roma), Massimo Mazzini (Eurizon Capital SA), Ignacio Jaquotot (VUB Asset Management) e Dinko Lucic (PBZ Invest). I componenti del Management Board sono Massimo Torchiana (Presidente) e Alberto Castelli (CEO), Emiliano Laruccia, Claudio Malinverno e Marian Matusovic.

Per l'amministratore delegato di Eurizon Capital SGR, Mauro Micillo, ''l'iniziativa rientra in una strategia di potenziamento e diversificazione geografica della presenza di Eurizon Capital all'estero. La societa' e' gia' attiva in Asia attraverso la partecipazione del 49% in Penghua Fund Management (Cina) e la branch commerciale di Eurizon Capital SA a Hong Kong'' . ''La collaborazione con le banche estere del Gruppo nell'Est Europa,'' continua Micillo ''punta a replicare quanto realizzato in Italia con Banca dei Territori in termini di servizio e sinergie tra SGR e collocatore''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Natale
Coldiretti: alberi di Natale in 9 case su 10
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina