sabato 21 gennaio | 05:27
pubblicato il 16/dic/2013 16:35

Intesa SP: Piemonte e Lombardia prime per internazionalizzazione (1 upd)

Intesa SP: Piemonte e Lombardia prime per internazionalizzazione (1 upd)

(ASCA) - Roma, 16 dic - Piemonte e Lombardia primeggiano tra le regioni italiane per livello di internazionalizzazione. E' quanto emerge dal secondo rapporto redatto da Intesa Sanpaolo sull'Apertura Internazionale delle regioni italiane, frutto della collaborazione tra il Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e SRM - Studi e Ricerche per il Mezzogiorno.

Nel Rapporto sono presentati una serie di indici che misurano il grado di internazionalizzazione delle regioni italiane. Si considerano complessivamente dieci indicatori, ''pesati'' e calcolati a partire dal 2006, per ciascuna delle 20 regioni italiane e raggruppati in tre indici: 1) internazionalizzazione economica, 2) internazionalizzazione sociale, 3) internazionalizzazione infrastrutturale.

L'indice economico e' la sintesi di quattro indicatori e misura dinamiche quali la propensione a esportare, a importare e gli investimenti diretti esteri, ma anche altre informazioni economiche, come la distanza dei mercati di sbocco e l'importanza dei nuovi mercati a piu' alto potenziale1, che fanno luce sulla crescente complessita' delle relazioni commerciali, nonche' sulla capacita' di attivare relazioni con mete distanti e ad alto potenziale.

L'indice sociale e' composto da quattro indicatori che misurano la presenza di stranieri che abitano, studiano (nelle Universita') o lavorano nel territorio o che lo visitano in veste di turisti. L'indice infrastrutturale, infine, e' correlato alla presenza in una regione di infrastrutture che facilitano o supportano la loro apertura commerciale e sociale (porti, aeroporti e valichi di frontiera). Questi tre indici vanno poi a comporre un ''Super Indice Internazionalizzazione (GEN)'' che misura il grado di apertura internazionale complessiva che i vari sistemi economici regionali hanno verso l'estero, e l'evoluzione di questo indicatore tra il 2006 e il 2012. Il Rapporto elabora, inoltre, una graduatoria regionale individuando cosi' la posizione relativa di ciascuna regione italiana. Il Rapporto presenta quest'anno alcune importanti novita' proponendo sia un confronto tra il grado di apertura internazionale dell'Italia e quello dei principali competitor europei (Francia, Germania, Spagna e Regno Unito), sia un'analisi dell'andamento delle esportazioni e della propensione ad esportare delle regioni italiane e di quelle tedesche. Il confronto presenta un carattere innovativo perche' avviene tra gruppi regionali omogenei e in particolare tra le regioni del Mezzogiorno ed i nuovi laender2 tedeschi e tra le regioni piu' avanzate nell'internazionalizzazione sia tedesche3 sia italiane4.

Analizzando il ranking regionale, il dualismo Nord-Sud resta evidente con il Nord Ovest che tende a primeggiare, con in testa Lombardia e Piemonte che distanziano nettamente tutte le altre regioni italiane. Queste due regioni si distinguono soprattutto per i livelli di eccellenza raggiunti in termini di internazionalizzazione economica.

Seguono a distanza le quattro regioni del Nord-Est, nell'ordine Veneto, Emilia Romagna, Friuli- Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, che spiccano soprattutto per l'alto grado di internazionalizzazione sociale. Chiudono l'elenco delle aree al di sopra della media italiana due regioni del Centro, Toscana e Lazio, molto vicine al Trentino-Alto Adige, grazie a buoni livelli di internazionalizzazione sociale.

Seguono Liguria, Marche e Umbria che, nonostante una buona internazionalizzazione sociale, si collocano poco al di sotto della media italiana, penalizzate da un grado di internazionalizzazione economica contenuto.

Il gap si allarga per Valle d'Aosta e Abruzzo e diventa enorme per le altre regioni del Mezzogiorno. Pesa il forte ritardo accusato in tutti e tre i sottostanti indici di internazionalizzazione sociale, economica e infrastrutturale.

I problemi del Mezzogiorno sono stati analizzati in questo Rapporto anche confrontando l'evoluzione dell'internazionalizzazione delle regioni italiane con quella dei nuovi laender tedeschi. Da tale confronto emerge che questi ultimi tra il 2008 e il 2012 hanno aumentato molto la loro apertura internazionale spinti anche dagli investimenti a Est da parte delle multinazionali dell'automotive, della farmaceutica, della meccanica e della chimica presenti nei laender occidentali.

Venendo pero' all'analisi degli aspetti dinamici del grado di apertura internazionale si puo' verificare che la classica lettura Nord-Sud non e' la principale chiave di differenziazione. Il Mezzogiorno, infatti, grazie a una buonissima dinamica dell'indice di internazionalizzazione sociale, mostra performance superiori rispetto al Centro e al Nord Est, ed e' proceduta solo dal Nord Ovest.

A mostrarsi piu' dinamico e' soprattutto l'indice di internazionalizzazione sociale che e' cresciuto in tutte le regioni italiane (anche durante la fase piu' acuta della crisi economica) e ha trainato l'indicatore complessivo verso l'alto. Il Mezzogiorno, anche per via di basi di partenza molto contenute, e' stato particolarmente dinamico, precedendo, seppur di poco, le regioni del Nord Ovest.

L'indice di internazionalizzazione economica ha mostrato un aumento lieve e non diffuso a tutte le regioni. Tale risultato e' la sintesi di andamenti differenziati: alla sostanziale stabilita' dell'apertura commerciale del Paese si e' contrapposta la crescita del peso dei nuovi mercati e della lontananza geografica. Anche in questo caso emergono diversita' territoriali non sempre scontate. Sebbene, infatti, il Mezzogiorno mostri un andamento inferiore alla media italiana e, soprattutto, rispetto al Nord, due regioni meridionali (Sicilia e Campania) guidano la classifica italiana per dinamica dell'indice di internazionalizzazione economica.

Dal rapporto emerge, infine, che l'indice di apertura internazionale infrastrutturale e' lievemente aumentato tra il 2006 e il 2012, ma nel confronto con le principali economie europee evidenzia ancora importanti divari.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4