martedì 06 dicembre | 17:58
pubblicato il 05/giu/2013 13:37

Intesa SP: nel 1* trim 94 nuove reti d'impresa (1 update)

(ASCA) - Roma, 5 giu - Il terzo Osservatorio Intesa Sanpaolo - Mediocredito Italiano sulle Reti d'Impresa conferma che il contratto di rete e' un'opportunita' interessante per le imprese italiane. Nei primi tre mesi dell'anno 455 realta' imprenditoriali hanno utilizzato questo strumento dando vita a 94 nuove reti, ovvero forme di collaborazione che consentono di mettere a fattore comune risorse e capacita' con l'obiettivo di acquisire maggiore forza competitiva, produttiva e commerciale. Sale cosi' a 792 il totale dei contratti registrati a fine marzo 2013 e a 4.091 il numero delle imprese coinvolte. Lombardia, Emilia Romagna e Toscana guidano la classifica delle regioni piu' attive. Le prime due in particolare sono le artefici della forte accelerazione dell'ultimo trimestre 2012, nel quale 801 nuove imprese hanno deciso di mettersi in rete. L'Osservatorio si sofferma sui risultati del settore manifatturiero nel corso del 2011: le imprese coinvolte in contratti di rete hanno registrato un aumento di fatturato del 10,1%, contro il 4,6% di quelle non in rete e il differenziale si allarga ulteriormente se si considera il triennio 2009-2011. D'altra parte, le aziende che decidono di formare una rete si caratterizzano gia' in partenza per un migliore posizionamento competitivo: in un caso su due fanno gia' parte di gruppi economici (contro il 35% circa delle imprese non in rete), hanno attivita' di export (50% circa vs. 31%), certificati di qualita' (26,7% vs. 17,2%), partecipate estere (17,8% vs. 7,5%), marchi registrati a livello internazionale (16,4% vs. 8,5%), richieste di brevetti all'EPO (16,3% vs. 7,3%), certificazioni ambientali (8,2% vs. 3,4%).

Per una migliore messa a fuoco sulle ricadute del fenomeno, l'Osservatorio riporta i risultati di un'indagine effettuata tra 360 imprese clienti coinvolte in contratti di rete, da cui emerge che un'impresa su due si aspetta benefici in termini reddituali. Circa il 50% circa delle imprese intervistate dichiara inoltre di partecipare alla rete per conseguire maggiori sinergie produttive (soprattutto al Sud e al Centro), rafforzare i canali di promozione/distribuzione (Nord) e realizzare progetti comuni di innovazione e di ricerca (Centro e Nord-Est).

Piu' in generale, lo studio di Intesa Sanpaolo-Mediocredito Italiano evidenzia come la rete consenta di valorizzare al meglio la complementarieta' industriale delle imprese. L'83% delle reti e' composta da imprese specializzate in comparti produttivi differenti.

Inoltre, il 31% sono di piccole dimensioni o addirittura imprese cosiddette micro (51,2%), esattamente le realta' che hanno maggior bisogno di accrescere la loro capacita' di fare innovazione, vendere, esportare, creare marchi e che difficilmente ci riuscirebbero potendo contare solo sulle proprie forze. Industria in senso stretto e servizi sono i due macrosettori piu' rappresentati e raccolgono il 76,1% delle imprese in rete. E' significativa anche la presenza della filiera delle costruzioni e immobiliare e di imprese dell'industria agro-alimentare, in particolare nel Mezzogiorno con la Sardegna in testa.

Le Reti d'Impresa per decollare necessitano di formazione e di finanziamenti specifici.

Tra fine 2012 e inizio 2013 sono nati tre Laboratori regionali per le Reti d'Impresa (Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna), veri e propri ''incubatori'' attivati da Intesa Sanpaolo con associazioni datoriali locali ed enti di ricerca per promuovere la conoscenza di questo strumento e agevolare l'incontro tra potenziali partner. A questi si affianca il Desk nazionale sulle Reti per la consulenza normativa e finanziaria di Mediocredito Italiano, la societa' di Intesa Sanpaolo specializzata nel sostegno alla crescita delle pmi.

Sul fronte dei finanziamenti un'opportunita' importante e' la provvista che la Banca Europea per gli Investimenti ha reso disponibile affinche' pmi e imprese ''mid-cap'' possano raggiungere gli obiettivi strategici del contratto di rete, di cui Mediocredito Italiano fino ad oggi ha deliberato finanziamenti per oltre 22 milioni di euro.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Fs
Fs: venerdì treni regolari, revocato sciopero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni