mercoledì 18 gennaio | 11:47
pubblicato il 08/mag/2014 18:00

Intesa SP: la banca punta su partecipazione dipendenti

Intesa SP: la banca punta su partecipazione dipendenti

(ASCA) - Torino, 8 mag 2014 - Il tema della valorizzazione del personale, del promuovere l'attaccamento all'azienda e la partecipazione torna spesso negli interventi in assemblea dei soci del ceo di Intesa-Sanpaolo Carlo Messina che, definisce un ''unicum di fiducia'' nel panorama nazionale e internazionale l'accordo dell'altro ieri con i sinacati e la distribuzione di azioni al posto del premio aziendale, ma che in qualche modo, pur con le inevitabili differenze, rimanda a quanto sta accadendo nel pianeta Fiat. ''Credo che quello che stiamo facendo per le persone della banca in questo momento non e' mai stato fatto'', dice Messina che sottolinea di aver ricevuto migliaia di mail con le quali i dipendenti chiedono soprattuto riconoscimento del merito e coinvolgimento nelle decisioni dell'azienda. ''Questo e' un momento storico in cui le persone sono al centro dell'azienda''. Sembra di sentire l'eco della lettera ai dipendenti di ieri di Elkann e Marchionne. Un impegno a valorizzare i lavoratori che si concretizza anche nella volonta' di non trasformare in esuberi i 4500 dipendenti considerati oggi in eccesso dal gruppo bancario. Verranno recuperati in altre attivita'. ''Ha piu' valore trattenere le persone e non farle uscire dall'azienda piuttosto che affrontare soltanto il tema degli emolumenti economici'', dice Messina. E il parallelo con Fiat torna se si pensa a come l'azienda ha tenuto una parte degli stabilimenti italiani fermi, promettendo ora, con il nuovo piano industriale, la piena rioccupazione di tutti. E che curiosamente ha anche altri aspetti speculari, come l'internazionalizzazione, che nel caso Fiat e' l'intesa con Chrysler mentre in Intesa-Sanpaolo si riassume in modo esemplare con la maggioranza in assemblea rappresentata dai fondi esteri registrata oggi. Anche se il messaggio che Messina da' in modo netto e' quello di un'azienda che fa il proprio dovere nei confronti del paese, non facendo mancare il credito a imprese e famiglie e quando dice che nei momenti piu' acuti della crisi le banche internazionali scappavano davanti a Bot e Btp, mentre Intesa-Sanpaolo e' rimasta li'.

eg/did/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa