domenica 26 febbraio | 09:28
pubblicato il 17/feb/2014 18:02

Intesa SP: Gros Pietro, bad bank non sara' a carico finanze pubbliche

(ASCA) - Torino, 17 feb 2014 - Non sara' una bad bank in senso stretto e avra' il compito di valorizzare i crediti con le imprese che possono ancora essere rilanciate e comunque non sara' uno strumento a carico delle finanze pubbliche.

Cosi' il presidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros Pietro, a margine di un incontro promosso alla Fondazione Donat Cattin sul futuro della Regione Piemonte. ''Ancora non c'e' nulla - premette Gros Pietro - in ogni caso non stiamo pensando a una bad bank nel senso pieno del termine, stiamo invece pensando - ha aggiunto - a iniziative per la valorizzazione dei crediti verso imprese che abbiano la possibilita' di rilanciarsi. Quindi stiamo parlando essenzialmente di operazioni con aziende sane o potenzialmente sane''. ''Non stiamo pensando - ha precisato Gros Pietro - a una scatola dove mettere tutti i crediti in sofferenza indipendentemente dalla loro natura, buono e cattivo tutto assieme, ne' stiamo pensando a quella che normalmente viene considerata come bad bank, una scatola a carico delle finanze pubbliche''. Quanto ai tempi ''il piano industriale ci dira' come procederemo'', ha concluso Gros Pietro. eg/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech