lunedì 05 dicembre | 13:55
pubblicato il 17/apr/2014 12:09

Intesa Sanpaolo: con Vei Capital azionisti di Rina spa

(ASCA) - Roma, 17 apr 2014 - Intesa Sanpaolo - attraverso la Direzione Merchant Banking della Divisione Corporate e Investment Banking - e VEI Capital - investment company di Palladio Finanziaria nel segmento Mid Cap del Private Equity - hanno sottoscritto un accordo finalizzato all'ingresso in RINA S.p.A., parent company dell'omonimo Gruppo leader in Italia nel settore dell'E-TIC (Engineering, Testing, Inspection, Certification).

L'impegno iniziale dei nuovi soci, pari a complessivi 25 milioni di euro da sottoscriversi in parti uguali tra Intesa Sanpaolo e Vei Capital, potra' crescere fino a eventuali 100 milioni di euro in ragione di possibili aumenti di capitale a supporto di eventuali acquisizioni.

Le risorse finanziarie e le competenze apportate dai nuovi soci hanno l'obbiettivo di supportare ed accelerare il processo di crescita ed internazionalizzazione, avviato negli ultimi anni dalla societa', in particolare con l'acquisizione di D'Appolonia. VEI Capital ed Intesa Sanpaolo intraprendono questo progetto di investimento con il fine di portare il RINA ad essere uno dei key player mondiali della certificazione e della consulting engineering in vista di una possibile quotazione in borsa nel medio termine.

Il RINA oggi e' un Gruppo multinazionale specializzato in servizi di classificazione, certificazione, collaudo, ispezione, formazione e consulting engineering in ambito navale, energetico, dei trasporti e delle infrastrutture, della certificazione, dell'ambiente e dell'innovazione.

Il RINA opera attraverso societa' dedicate ai diversi settori con una rete di 163 uffici in 57 Paesi e oltre 2.500 dipendenti, il cui impegno ha contribuito a raggiungere un fatturato che, con le ultime acquisizioni, supera i 320 milioni di euro.

''Intesa Sanpaolo, come socio finanziario, intende supportare la societa' e accelerare il completamento del suo processo di evoluzione in atto''. - Ha dichiarato Marco Cerrina Feroni, responsabile Direzione Merchant Banking di Intesa Sanpaolo. - ''L'operazione rappresenta, infatti, l'opportunita' di entrare nel capitale di una societa' storica del panorama italiano, molto ben gestita e con ampi spazi di crescita, a completamento di un percorso di profondo mutamento strategico e gestionale''.

''L'operazione - ha dichiarato Sergio Ravagli, Managing Partner di Palladio Finanziaria - si inquadra nell'ambito del filone di investimenti di ''expansion capital'' in aziende ad alto potenziale di sviluppo come avvenuto recentemente con l'ingresso nel capitale del gruppo Fila. L'affiancamento di partners finanziari ad un management solido e preparato consentira' al gruppo Rina di cogliere nuove opportunita' di crescita in Italia e all'estero''.

''E' per noi una grande soddisfazione che due prestigiosi Gruppi finanziari quali Intesa Sanpaolo e VEI Capital abbiamo deciso di investire sulla nostra azienda'' - ha affermato Ugo Salerno, Presidente e AD di RINA S.p.A. - ''Il loro ingresso nel nostro capitale ci offre ulteriori e determinanti opportunita' di sviluppo sia in termini di crescita sia di acquisizioni, allo scopo di rendere il RINA in grado di competere con i maggiori player internazionali''.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari