sabato 03 dicembre | 23:41
pubblicato il 10/mar/2014 16:14

Intesa per partecipazione agroalimentare italiano all'Expo 2015

Martina: vogliamo utilizzare al meglio questa occasione

Intesa per partecipazione agroalimentare italiano all'Expo 2015

Roma (askanews) - Il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, il commissario unico del governo per l'Expo 2015, Giuseppe Sala, e il commissario generale del Padiglione Italia, Diana Bracco, a Roma, hanno firmato un protocollo d'intesa per la partecipazione dell'agroalimentare italiano all'esposizione universale in programma a Milano dal primo maggio al 31 ottobre del prossimo anno.L'accordo ha l'obiettivo di valorizzare le eccellenze scientifiche, culturali, artistiche, architettoniche e paesaggistiche e quelle più originali ed esclusive delle filiere economico-produttive del settore.Il protocollo definisce le modalità di coordinamento, attuazione e contribuzione per la presenza dell'agricoltura e dell'agroalimentare italiano all'Expo.Il ministro Martina ha sottolineato che l'Expo "può essere la piattaforma per il salto di qualità dell'agroalimentare italiano" e che "il ministero vuole utilizzare al meglio questa occasione".Il commissario unico Giuseppe Sala ha invece ricordato che ad oggi già 144 paesi hanno aderito e saranno presenti all'esposizione universale.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari