sabato 10 dicembre | 16:07
pubblicato il 16/lug/2013 11:14

Inps: Mastrapasqua, il segno della crisi, 80 mld di sussidi in 4 anni

Inps: Mastrapasqua, il segno della crisi, 80 mld di sussidi in 4 anni

(ASCA) - Roma, 16 lug - ''In questi quattro anni di crisi lo Stato ha erogato, tramite l'Inps, 80 miliardi di euro di sussidi'' per cassa integrazione e disoccupazione, ''che sono stati distribuiti ad una platea di circa 3 milioni di lavoratori in media per ogni anno''. E' uno dei dati offerti dalla Relazione annuale del Presidente Inps, Antonio Mastrapasqua, pronunciata oggi a Montecitorio, illustrando il Rapporto Annuale dell'Istituto, relativo al 2012. Un discorso rivolto alla necessita' di ripristinare la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni, pur attraverso i numeri di una crisi che ha segnato l'economia e la societa' italiana.

SPESA INPS TAGLIATA DEL 50%. Mastrapasqua ha sottolineato l'impegno dell'Inps nella riduzione della spesa: e' stato tagliato il 50% della spesa corrente di gestione, pari nel 2011 a 1,1 miliardi di euro: ''C'e' una Pubblica Amministrazione che ha gia' ridotto e di molto la sua spesa.

E se l'ha fatto l'Inps dovrebbe farlo ogni altra Pa, centrale e locale''. Si tratta tuttavia di un taglio severo: ''In alcuni casi si chiede al cittadino-utente di accettare una lesione del suo diritto alla qualita' delle prestazioni''.

''ROSSO'' INPDAP NON METTE A RISCHIO IL SISTEMA. Il 2012 e' stato il primo anno di esercizio del ''nuovo'' Inps, derivante dalla fusione di Inpdap ed Enpals. Un esercizio contabile che, dopo aver cumulato oltre 25 miliardi di euro di saldi positivi negli ultimi quattro anni, produce un ''rosso'' di quasi 9 miliardi di euro: ''Un disavanzo in tutto imputabile alla gestione dei lavoratori pubblici''. E tuttavia un disavanzo contabile che non preoccupa la stabilita' finanziaria del sistema: ''Il sistema - ha ribadito Mastrapasqua - e' in piena sicurezza''.

IMMOBILI, SERVE LEGISLAZIONE. Tra i tanti temi toccati dalla Relazione, due sono stati messi in particolare evidenza: il primo riguarda il patrimonio immobiliare e la legislazione che in questi anni ha bloccato la sua valorizzazione. ''E' dal 2009 che chiediamo ci venga indicata la modalita' piu' coerente e piu' rapida per assicurare agli attuali inquilini la possibilita' di acquistare la casa in cui abitano, e all'Istituto la necessita' di valorizzare un patrimonio anche mediante un'alienazione trasparente e produttiva''.

RIFORMARE IL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE. La seconda sottolineatura riguarda la necessaria semplificazione normativa: ''Troppi attori oggi si sovrappongono sulle stesse aree di servizio al cittadino. La stessa riforma del titolo quinto della Costituzione - ha sostenuto Mastrapasqua - ha finito per moltiplicare le cosiddette materia concorrenti'' come accade per molte prestazioni, compresa l'invalidita' civile.

WELFARE, NON TAGLI MA MIGLIORE ALLOCAZIONE RISORSE. Infine sul futuro Welfare del Paese, Mastrapasqua ha detto: ''Prima di immaginare tagli, si dovrebbe forse produrre una migliore e piu' razionale allocazione delle stesse risorse.

Il problema non e' il quanto, ma come e dove indirizzare le risorse''.

red/rf/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina