domenica 04 dicembre | 15:58
pubblicato il 03/feb/2014 11:34

Inps: Giovannini, giusto integrare Inpdap

(ASCA) - Roma, 3 feb - ''Non e' stato un errore convogliare l'INPDAP nell'INPS, perche' una parte dei debiti dell'INPDAP, cioe' del sistema pubblico confluito nell'Inps, erano dovuti unicamente a come era strutturato il bilancio, tanto e' vero che la legge di stabilita' abbiamo sanato questo errore formale''. Lo ha affermato il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, a Prima di Tutto su Radio 1 sottolineando che ''non e' stato un errore perche' questo ha consentito di aumentare l'efficienza del sistema, unificando le stesse procedure, le stesse amministrazioni e via discorrendo, e quindi e' un risparmio per il Pease''. Sul prestito previdenziale, il ministro ha spiegato che ''l'idea e' che se una persona e' a 2-3 anni dalla pensione, possa chiedere un anticipo della sua futura pensione per poi restituirlo nel futuro. Questa operazione, che sarebbe molto costosa per il singolo, puo' avere invece una ripartizione del costo fra impresa, stato e singolo e aiuterebbe molte persone vicino alla pensione ma ancora con anni di lavoro da fare, ad andare verso un ''invecchiamento attivo''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari