lunedì 27 febbraio | 22:16
pubblicato il 09/lug/2014 13:28

Innovazione: Ue, inviti da 1,1 mld. Al via partenariati pubblico-privato

(ASCA) - Roma, 9 lug 2014 - Arrivano i primi inviti a presentare progetti nell'ambito del programma europeo Horizon 2020, il programma di ricerca e innovazione dell'Ue da 80 miliardi di euro. La prima tornata di finanziamenti vede un contributo pubblico di 1,1 miliardi che sara' integrato da un importo equivalente apportato dai privati e sara' destinata a progetti intesi a migliorare la qualita' della vita dei cittadini e a rafforzare la competitivita' internazionale dell'industria europea. A presentarli oggi a Bruxelles i parteniariati di ricerca tra l'Ue, il settore privato e gli Stati membri che - ha sottolineato il presidente della Commissione europea Jose' Manuel Barroso - hanno come obiettivo quello di ''unire le forze per migliorare la vita dei cittadini europei, creare posti di lavoro e dare impulso alla competitivita'. Ci siamo impegnati a dare priorita' alla ripresa nel bilancio dell'Ue, e i partenariati pubblico-privato rispondono pienamente a questo obiettivo. I finanziamenti per 1,1 miliardi di euro relativi ai primi inviti a presentare proposte saranno integrati da un importo equivalente proveniente dall'industria, nel quadro di un pacchetto complessivo di 22 miliardi di euro destinati alla creazione di crescita e posti di lavoro nell'arco di sette anni. Essi continueranno a produrre risultati che non potrebbero essere conseguiti da nessun singolo paese, da nessuna singola impresa e, da sola, neanche dall'Unione europea''. La pubblicazione dei primi inviti arriva quasi esattamente un anno dopo che la Commissione ha presentato il pacchetto di investimenti per l'innovazione, un insieme di proposte intese a istituire sette partenariati pubblico-privato e quattro partenariati pubblico-pubblico che saranno attivi in diversi settori fondamentali quali i medicinali, i trasporti, l'elettronica e la bioeconomia, per un valore totale di oltre 22 miliardi di euro.

''Le imprese comuni - hanno dichiarato per conto dei sette partenariati coinvolti, gli amministratori delegati, i direttori esecutivi e i direttori amministrativi dei partner privati presenti all'evento, tra cui anche l'amministratore unico di Enav Massimo Garbini - hanno dimostrato la validita' del modello del partenariato pubblico privato e hanno gia' raggiunto risultati che contribuiscono a migliorare la qualita' della vita e la competitivita' dell'Europa. Siamo orgogliosi di far parte di questi nuovi partenariati nel quadro di Horizon 2020, e lieti di assisterne al lancio appena un anno dopo che sono stati proposti dalla Commissione. Adesso e' ora di mettersi al lavoro e di produrre risultati che contribuiscano in misura ancora maggiore a rilanciare la crescita, a creare occupazione e a migliorare la qualita' della vita''.

I sette partenariati pubblico-privato lanciati oggi rappresentano un investimento complessivo di 19,5 miliardi di euro in ricerca e innovazione per i prossimi sette anni. Il contributo dell'Ue, pari a 7,3 miliardi di euro, permettera' di liberare investimenti per 12,2 miliardi di euro provenienti dal settore privato e dagli Stati membri. Insieme ad altri quattro partenariati pubblico-pubblico con gli Stati membri, essi formano il pacchetto investimenti per l'innovazione, che rappresenta investimenti per oltre 22 miliardi di euro nel futuro dell'Europa.

I partenariati operano nei settori dei medicinali innovativi, celle a combustibile e idrogeno (finalizzato ad accelerare l'introduzione sul mercato di tecnologie pulite ed efficienti nei settori dell'energia e dei trasporti), Clean Sky (finalizzato alla progettazione di aeromobili meno inquinanti e piu' silenziosi, con emissioni di CO2 notevolmente ridotte), bioindustrie ( per l'uso di risorse naturali rinnovabili e di tecnologie innovative per ottenere prodotti di consumo piu' ecologici), componenti e sistemi elettronici per la leadership europea (ECSEL) finalizzato alla promozione delle capacita' di produzione dell'Europa in campo elettronico, Shift2Rail (per migliorare le infrastrutture e i servizi ferroviari, riducendo nettamente i costi e potenziando la capacita', l'affidabilita' e la puntualita') e Sesar 2020 per lo sviluppo di un sistema europeo di nuova generazione per la gestione del traffico aereo che migliorera' le prestazioni del trasporto aereo. red-lcp/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech