mercoledì 22 febbraio | 17:16
pubblicato il 03/set/2014 14:45

Innovazione: Corte conti Ue, risultati modesti da incubatori start up

(ASCA) - Roma, 3 set 2014 - Gli incubatori di start up cofinanziati dall'Ue hanno raggiunto risultati modesti. E' questa la conclusione della Corte dei conti europea esposta in una relazione mirata a verificare se il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) abbia sostenuto con successo lo sviluppo di incubatori di imprese. Gli auditor hanno valutato se gli incubatori monitorati avessero sostenuto in modo efficace ed efficiente la creazione di Pmi a elevato potenziale di crescita, se gli organismi responsabili della gestione avessero selezionato incubatori idonei a ricevere il sostegno e se avessero favorito il successo degli incubatori.

Hanno esaminato inoltre se la Commissione avesse adottato provvedimenti adeguati per massimizzare l'impatto degli incubatori.

''Riteniamo che i servizi di incubazione forniti - e, di conseguenza, l'impatto piu' generale sulle imprese locali - siano stati abbastanza limitati, a causa dei vincoli finanziari e del modesto livello delle attivita' di incubazione'', ha dichiarato Henri Grethen, membro della Corte dei conti responsabile della relazione. ''Cio' e' stato dovuto principalmente alla scarsa esperienza degli Stati membri e dei gestori degli incubatori in materia di pratiche di incubazione. Vi sono state inoltre carenze dei sistemi di gestione''. Questi modesti risultati in termini di efficacia possono essere dovuti all'insufficiente adozione di buone pratiche. Piu' specificamente, - spiega la Corte - quando sono stati creati gli incubatori, si e' prestata troppo poca attenzione all'efficacia delle funzioni di sostegno alle imprese da essi svolte. In secondo luogo, i servizi d'incubazione sono stati scarsamente collegati agli obiettivi commerciali dei clienti. In terzo luogo, i sistemi di monitoraggio nell'ambito degli incubatori non hanno fornito adeguate informazioni gestionali. Infine, la sostenibilita' finanziaria degli incubatori era in conflitto con l'obiettivo di fornire adeguati servizi di incubazione.

A livello degli Stati membri Ue, i sistemi di gestione non hanno prestato sufficientemente attenzione all'attivita' operativa degli incubatori d'imprese. In particolare, la procedura di selezione degli incubatori per il cofinanziamento non ha tenuto debitamente conto di diversi elementi cruciali ai fini dell'attivita' d'incubazione, quali ad esempio la specializzazione del personale, l'ampiezza e la pertinenza dei servizi d'incubazione e la sostenibilita' finanziaria. Infine, la Commissione non ha adottato misure sufficienti per facilitare lo scambio di conoscenze e di buone pratiche.

red-lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe