lunedì 16 gennaio | 14:02
pubblicato il 03/set/2014 14:45

Innovazione: Corte conti Ue, risultati modesti da incubatori start up

(ASCA) - Roma, 3 set 2014 - Gli incubatori di start up cofinanziati dall'Ue hanno raggiunto risultati modesti. E' questa la conclusione della Corte dei conti europea esposta in una relazione mirata a verificare se il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) abbia sostenuto con successo lo sviluppo di incubatori di imprese. Gli auditor hanno valutato se gli incubatori monitorati avessero sostenuto in modo efficace ed efficiente la creazione di Pmi a elevato potenziale di crescita, se gli organismi responsabili della gestione avessero selezionato incubatori idonei a ricevere il sostegno e se avessero favorito il successo degli incubatori.

Hanno esaminato inoltre se la Commissione avesse adottato provvedimenti adeguati per massimizzare l'impatto degli incubatori.

''Riteniamo che i servizi di incubazione forniti - e, di conseguenza, l'impatto piu' generale sulle imprese locali - siano stati abbastanza limitati, a causa dei vincoli finanziari e del modesto livello delle attivita' di incubazione'', ha dichiarato Henri Grethen, membro della Corte dei conti responsabile della relazione. ''Cio' e' stato dovuto principalmente alla scarsa esperienza degli Stati membri e dei gestori degli incubatori in materia di pratiche di incubazione. Vi sono state inoltre carenze dei sistemi di gestione''. Questi modesti risultati in termini di efficacia possono essere dovuti all'insufficiente adozione di buone pratiche. Piu' specificamente, - spiega la Corte - quando sono stati creati gli incubatori, si e' prestata troppo poca attenzione all'efficacia delle funzioni di sostegno alle imprese da essi svolte. In secondo luogo, i servizi d'incubazione sono stati scarsamente collegati agli obiettivi commerciali dei clienti. In terzo luogo, i sistemi di monitoraggio nell'ambito degli incubatori non hanno fornito adeguate informazioni gestionali. Infine, la sostenibilita' finanziaria degli incubatori era in conflitto con l'obiettivo di fornire adeguati servizi di incubazione.

A livello degli Stati membri Ue, i sistemi di gestione non hanno prestato sufficientemente attenzione all'attivita' operativa degli incubatori d'imprese. In particolare, la procedura di selezione degli incubatori per il cofinanziamento non ha tenuto debitamente conto di diversi elementi cruciali ai fini dell'attivita' d'incubazione, quali ad esempio la specializzazione del personale, l'ampiezza e la pertinenza dei servizi d'incubazione e la sostenibilita' finanziaria. Infine, la Commissione non ha adottato misure sufficienti per facilitare lo scambio di conoscenze e di buone pratiche.

red-lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%