sabato 03 dicembre | 12:34
pubblicato il 10/feb/2014 13:04

Infrastrutture: Squinzi, investimenti pubblici crollati del 23%

(ASCA) - Milano, 10 feb 2014 - I ritardi tutti italiani sul fronte infrastrutturale dipendono in larga misura anche dal crollo degli investimenti pubblici che si e' registrato negli anni della crisi economica. Lo ha sottolineato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, nel suo intervento dal palco della Mobility Conference di Assolombarda. ''Il crollo degli investimenti pubblici in infrastrutture dalla crisi fino ad oggi e' stato costante e ha comportato una perdita di competitivita' e di capacita' imprenditoriale con riflessi inevitabili sull'occupazione'', ha detto Squinzi tirando le somme: il calo e' stato pari a ''circa il 23% tra il 2009 e il 2012, con una ulteriore flessione tendenziale fino al 26,2% nel 2015, a fronte di una spesa corrente che al contrario e' in costante crescita''. Insomma, per il numero uno di Viale dell'Astronomia, ''il problema della stabile e corretta allocazione della spesa pubblica resta il punto debole di qualsiasi politica infrastrutturale''. fcz/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari