venerdì 20 gennaio | 09:38
pubblicato il 10/set/2013 17:18

Infrastrutture: Mit, nessun allarme su Mose. Stanziati 5 miliardi

(ASCA) - Roma, 10 set - ''Il Cipe di lunedi' 9 settembre ha stanziato, proprio perche' questo Ministero e il Governo la considerano un'opera strategica per Venezia, per la Regione Veneto e per quello che questa citta' significa per il Paese, 974 milioni di euro per il Mose, (la tranche piu' grande mai erogata a quest'opera). Un'assegnazione che garantisce la continuita' dei cantieri e la prosecuzione dei lavori con modalita' che ne permetteranno l'ultimazione entro il 2016.

Con questo stanziamento le risorse assegnate al Mose ammontano a quasi 5 miliardi di euro (4987 milioni)''. Il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, in una nota, risponde alla Regione Veneto che lamenta la mancanza di circa 100 milioni di euro che sarebbero stati ''tolti'' al Mose. ''Eppure - prosegue il ministero - la Regione Veneto dovrebbe ormai conoscere e apprezzare il meccanismo di finanziamento per cassa e competenza attuato da questo Ministero gia' con il Decreto del Fare, che ha visto il Veneto beneficiario di ben 400 milioni di euro destinati alla Pedemontana Veneta, perche' cantierizzabile entro il 2013, e 'presi a prestito' dal finanziamento del Terzo Valico con l'impegno a restituirli nel primo decreto utile. Allora protesto' la Regione Liguria, ma dovette constatare che l'impegno preso fu prontamente onorato e i soldi furono riassegnati al Terzo Valico nei tempi annunciati.

Adesso si e' trattato di finanziare il 'piano casa' approntato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e varato dal Governo a fine agosto: 500 milioni di euro per finanziare, tra l'altro, quattro fondi per i mutui delle famiglie svantaggiate, dei lavoratori precari, e gli affitti dei cosiddetti 'morosi incolpevoli', persone che non riescono a pagare il canone perche' hanno perso il lavoro. Un intervento che va a favore non di questa o di quella regione ma di tutti coloro che, anche in Veneto, si trovano nelle situazioni di difficolta' descritte''.

''Cento di questi milioni - conclude il ministero - sono stati presi dal progetto del Mose con l'impegno della loro restituzione per competenza nel decreto che accompagnera' la Legge di Stabilita' prevista per il prossimo 15 ottobre.

Esattamente come successo per il caso Terzo Valico - Pedemontana Veneta citato. Non c'e' dunque, nessun motivo di allarme''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale