lunedì 05 dicembre | 13:47
pubblicato il 10/set/2013 17:18

Infrastrutture: Mit, nessun allarme su Mose. Stanziati 5 miliardi

(ASCA) - Roma, 10 set - ''Il Cipe di lunedi' 9 settembre ha stanziato, proprio perche' questo Ministero e il Governo la considerano un'opera strategica per Venezia, per la Regione Veneto e per quello che questa citta' significa per il Paese, 974 milioni di euro per il Mose, (la tranche piu' grande mai erogata a quest'opera). Un'assegnazione che garantisce la continuita' dei cantieri e la prosecuzione dei lavori con modalita' che ne permetteranno l'ultimazione entro il 2016.

Con questo stanziamento le risorse assegnate al Mose ammontano a quasi 5 miliardi di euro (4987 milioni)''. Il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, in una nota, risponde alla Regione Veneto che lamenta la mancanza di circa 100 milioni di euro che sarebbero stati ''tolti'' al Mose. ''Eppure - prosegue il ministero - la Regione Veneto dovrebbe ormai conoscere e apprezzare il meccanismo di finanziamento per cassa e competenza attuato da questo Ministero gia' con il Decreto del Fare, che ha visto il Veneto beneficiario di ben 400 milioni di euro destinati alla Pedemontana Veneta, perche' cantierizzabile entro il 2013, e 'presi a prestito' dal finanziamento del Terzo Valico con l'impegno a restituirli nel primo decreto utile. Allora protesto' la Regione Liguria, ma dovette constatare che l'impegno preso fu prontamente onorato e i soldi furono riassegnati al Terzo Valico nei tempi annunciati.

Adesso si e' trattato di finanziare il 'piano casa' approntato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e varato dal Governo a fine agosto: 500 milioni di euro per finanziare, tra l'altro, quattro fondi per i mutui delle famiglie svantaggiate, dei lavoratori precari, e gli affitti dei cosiddetti 'morosi incolpevoli', persone che non riescono a pagare il canone perche' hanno perso il lavoro. Un intervento che va a favore non di questa o di quella regione ma di tutti coloro che, anche in Veneto, si trovano nelle situazioni di difficolta' descritte''.

''Cento di questi milioni - conclude il ministero - sono stati presi dal progetto del Mose con l'impegno della loro restituzione per competenza nel decreto che accompagnera' la Legge di Stabilita' prevista per il prossimo 15 ottobre.

Esattamente come successo per il caso Terzo Valico - Pedemontana Veneta citato. Non c'e' dunque, nessun motivo di allarme''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari