mercoledì 22 febbraio | 16:52
pubblicato il 27/giu/2013 19:39

Infrastrutture: Lupi a Regioni, decidere insieme ripartizione fondi

(ASCA) - Roma, 27 giu - Coinvolgere direttamente le regioni per la formulazione delle priorita' degli interventi dei tre programmi contenuti nel Decreto del Fare. E' quanto ha chiesto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, nel corso dellla riunione con i rappresentanti delle Regioni italiane. All'ordine del giorno il Piano Aeroporti, il Trasporto pubblico locale, la Casa.

Per il Piano Aeroporti, spiega il Dicastero, si e' deciso di formare un tavolo tecnico con scadenze immediate con 4/5 rappresentanti delle Regioni l'Enac e il ministero.

L'obiettivo e' di giungere con un testo condiviso per il Piano Nazionale aeroporti entro settembre.

Per il Trasporto pubblico locale, che il ministro ha confermato essere una priorita' del suo dicastero, e' stata decisa la convocazione di una riunione ristretta coordinata dal sottosegretario Erasmo D'Angelis con proposte da formalizzare entro il 6 agosto. Il ministro Lupi ha ascoltato le richieste delle Regioni, ha detto di conoscere il problema della scarsita' dei fondi, ma ha chiesto ''il coraggio di proposte innovative, e soprattutto di saper distinguere nella ripartizione dei fondi non solo in base alla spesa storica, ma ad esempio definendo dei costi standard. Il problema non sono solo i soldi ma dove e come li spendiamo. Il territorio e le situazioni sono molto diversi, cio' che vale per le aree metropolitane puo' non andar bene per i piccoli centri''.

Sulla Casa e' stato costituito un tavolo coordinato dal viceministro Vincenzo De Luca, cui e' stata demandata la formulazione di proposte ''in vista della rivisitazione dell'Imu (31 agosto), sui temi dell'edilizia pubblica e dell'housing sociale e del rinnovo e riqualificazione del tessuto urbano, riprendendo le esperienze piu' avanzate che alcune regioni hanno gia' realizzato''.

In conclusione il ministro ha chiesto il coinvolgimento diretto delle Regioni per la formulazione delle priorita' degli interventi dei tre programmi contenuti nel Decreto del Fare: il Piano Anas di manutenzione straordinaria della rete stradale (300 milioni per ponti, viadotti e gallerie); il piano di manutenzione straordinaria della rete ferroviaria (635 milioni); e il Piano ''6000 campanili'' per interventi in opere infrastrutturali nei Comuni sotto i 5000 abitanti, che il ministero realizzera' in collaborazione con Anci. Si tratta di interventi da 500mila a un milione di euro nei quali verranno coinvolte le piccole e medie imprese a livello locale.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe