domenica 04 dicembre | 05:12
pubblicato il 21/lug/2014 17:49

Infrastrutture: Ciucci, cantieri per la 'Due Mari' al via nel 2016

(ASCA) - Firenze, 21 lug 2014 - Per la Due Mari tra Grosseto e Fano nel giro di pochi giorni sara' costituita la societa' 'Centralia' per aprire i cantieri nel 2016. Lo ha detto il presidente dell'Anas Pietro Ciucci, a margine di un convegno a Firenze.

''La Toscana - ha ricordato - ha molto da recuperare, il gap infrastrutturale riguarda tutta Italia e anche questa regione nonostante che Anas abbia investito tanto. Abbiamo un piano di investimenti per la Toscana di 2 mld, per meta' gia' realizzato, in corso di realizzazione o che sta per partire.

Evidentemente bisogna fare di piu', abbiamo tanti progetti in fase di predisposizione. Recentemente - ha aggiunto - abbiamo fatto un accordo con Toscana, Marche e Umbria per costituire la nuova societa' 'Centralia' per completare l'itinerario tra Grosseto e Fano, una delle trasversali tirreno-adriatico piu' importanti. Nei prossimi giorni costituiremo formalmente la societa' ma stiamo gia' lavorando per l'aggiornamento dello studio di fattibilita'. Contiamo di costituire la societa' in pochi giorni e avviare la gara per la scelta della societa' realizzatrice dell'opera entro fine anno o all'inizio del prossimo per aprire i cantieri nel 2016''.

afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari