sabato 25 febbraio | 13:28
pubblicato il 04/feb/2014 10:12

Inflazione: nel paniere entrano cialde caffe' e sigarette elettroniche

Inflazione: nel paniere entrano cialde caffe' e sigarette elettroniche

(ASCA) - Roma, 4 feb 2014 - Nel nuovo paniere utilizzato per la rilevazione dei prezzi al consumo, entrano le cialde per le macchine del caffe' e le sigarette elettroniche. Come ogni anno infatti, l'Istat rivede l'elenco dei prodotti che compongono il paniere di riferimento della rilevazione dei prezzi al consumo. L'aggiornamento tiene conto delle novita' emerse nelle abitudini di spesa delle famiglie e arricchisce, in alcuni casi, la gamma dei prodotti che rappresentano consumi consolidati. Nel 2014 il paniere utilizzato per il calcolo degli indici dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' nazionale (NIC) e per le famiglie di operai e impiegati (FOI) si compone di 1.447 prodotti (1.429 nel 2013), aggregati in 614 posizioni rappresentative (603 nel 2013).

Il paniere si amplia per il calcolo dell'indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) fino a comprendere 1.463 prodotti (1.451 nel 2013), aggregati in 619 posizioni rappresentative (608 nel 2013).

Entrano nel paniere le posizioni rappresentative Formaggio grattugiato in confezione, Formaggio spalmabile in confezione, Caffe' in cialde o capsule, Macchina da caffe' in cialde o capsule, Sacchetti ecologici per rifiuti organici, Sigaretta elettronica e ricariche.

La rilevazione dei prezzi del ''Giornale quotidiano on line'' andra' a integrare quella dei prezzi del Giornale quotidiano, cosi' come i ''Notebook ibridi'' - utilizzabili cioe' anche come tablet - andranno ad arricchire la posizione rappresentativa Notebook.

Escono dal paniere le posizioni rappresentative Yogurt biologico, Tailleur e Riparazione apparecchio audiovisivo o informatico: le prime due sono sostituite rispettivamente dallo Yogurt probiotico e dall'Abito donna. Nel 2014 sono 80 i comuni capoluogo di provincia che concorrono alla stima dell'inflazione con riferimento al paniere completo (erano 82 nel 2013); la copertura dell'indagine, in termini di popolazione provinciale, e' quindi pari all'83,3% (84% nel 2013). Altri 11 comuni capoluogo di provincia contribuiranno alla stima dell'inflazione per un sottoinsieme di prodotti (riferito alle tariffe locali e ad alcuni servizi). Il loro peso sul paniere dell'indice NIC e' del 6,2%. Per questi prodotti la copertura dell'indagine, in termini di popolazione provinciale, e' del 91,5%.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech