venerdì 20 gennaio | 19:49
pubblicato il 04/feb/2014 10:12

Inflazione: nel paniere entrano cialde caffe' e sigarette elettroniche

Inflazione: nel paniere entrano cialde caffe' e sigarette elettroniche

(ASCA) - Roma, 4 feb 2014 - Nel nuovo paniere utilizzato per la rilevazione dei prezzi al consumo, entrano le cialde per le macchine del caffe' e le sigarette elettroniche. Come ogni anno infatti, l'Istat rivede l'elenco dei prodotti che compongono il paniere di riferimento della rilevazione dei prezzi al consumo. L'aggiornamento tiene conto delle novita' emerse nelle abitudini di spesa delle famiglie e arricchisce, in alcuni casi, la gamma dei prodotti che rappresentano consumi consolidati. Nel 2014 il paniere utilizzato per il calcolo degli indici dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' nazionale (NIC) e per le famiglie di operai e impiegati (FOI) si compone di 1.447 prodotti (1.429 nel 2013), aggregati in 614 posizioni rappresentative (603 nel 2013).

Il paniere si amplia per il calcolo dell'indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) fino a comprendere 1.463 prodotti (1.451 nel 2013), aggregati in 619 posizioni rappresentative (608 nel 2013).

Entrano nel paniere le posizioni rappresentative Formaggio grattugiato in confezione, Formaggio spalmabile in confezione, Caffe' in cialde o capsule, Macchina da caffe' in cialde o capsule, Sacchetti ecologici per rifiuti organici, Sigaretta elettronica e ricariche.

La rilevazione dei prezzi del ''Giornale quotidiano on line'' andra' a integrare quella dei prezzi del Giornale quotidiano, cosi' come i ''Notebook ibridi'' - utilizzabili cioe' anche come tablet - andranno ad arricchire la posizione rappresentativa Notebook.

Escono dal paniere le posizioni rappresentative Yogurt biologico, Tailleur e Riparazione apparecchio audiovisivo o informatico: le prime due sono sostituite rispettivamente dallo Yogurt probiotico e dall'Abito donna. Nel 2014 sono 80 i comuni capoluogo di provincia che concorrono alla stima dell'inflazione con riferimento al paniere completo (erano 82 nel 2013); la copertura dell'indagine, in termini di popolazione provinciale, e' quindi pari all'83,3% (84% nel 2013). Altri 11 comuni capoluogo di provincia contribuiranno alla stima dell'inflazione per un sottoinsieme di prodotti (riferito alle tariffe locali e ad alcuni servizi). Il loro peso sul paniere dell'indice NIC e' del 6,2%. Per questi prodotti la copertura dell'indagine, in termini di popolazione provinciale, e' del 91,5%.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4