venerdì 09 dicembre | 17:13
pubblicato il 12/ago/2014 16:57

*Inflazione: e' allarme deflazione. Insorgono consumatori e produttori

(ASCA) - Roma, 12 ago 2014 - Per l'Italia si avvicina sempre piu' lo spettro della deflazione. Per il mese di luglio infatti, l'Istat conferma le stime preliminari che indicavano un'inflazione in frenata allo 0,1% (era allo 0,3% a giugno), mentre quella acquisita per l'intero anno resta ferma allo 0,3%. ''Il rallentamento dell'inflazione - spiega l'Istat - e' principalmente imputabile all'ampliarsi della flessione su base annua dei prezzi degli Energetici regolamentati. Il contributo di altri raggruppamenti di prodotto e' marginale''.

Insorgono le associazioni dei consumatori che parlano di grido di allarme delle famiglie che non riescono piu' a fare acquisti e quindi a creare domanda. ''Siamo in pieno allarme deflazione - denuncia il Codacons -, e l'economia italiana sta rischiando un vero e proprio infarto. Il tasso di crescita dei prezzi oramai azzerato sotto lo zero in alcune citta' e' lo specchio dello stato disastroso in cui versano le famiglie: il potere d'acquisto e' in picchiata libera, l'occupazione ancora a livelli altissimi, la povera' relativa in continuo aumento specie nel sud Italia. Tutti fattori che impediscono ai cittadini di comprare e creano un crollo della domanda''.

All'attacco anche Federconsumatori e Aduebef, secondo le quali ''i dati diffusi oggi dall'Istat sulla contrazione della spesa delle famiglie nel 2013 non fanno altro che confermare una situazione gravissima, che denunciamo da tempo. Una fortissima contrazione dei consumi dovuti ad un potere di acquisto delle famiglie ridotto ai minimi termini e una situazione occupazionale gravissima''.

Preoccupazione anche dai produttori. Per la Coldiretti, e' la frutta fresca a far segnare il maggior crollo dei prezzi con un calo del 10,1% che spinge l'intero settore alimentare verso la deflazione con una riduzione dello 0,6% rispetto allo scorso anno.

''Il calo dei prezzi degli alimentari - sottolinea la Coldiretti - e' il risultato di una spirale recessiva tra deflazione e consumi che ha costretto due famiglie su tre (65%) a tagliare la qualita' o la quantita' di almeno uno dei generi alimentari acquistati e sale al 14,4% la quota di famiglie che sceglie l'hard discount per l'acquisto di generi alimentari. Pur di non acquistare piu' di otto italiani su dieci (81%) sono arrivati - precisa la Coldiretti - a non buttare il cibo scaduto ma a mangiarlo, con una percentuale che e' aumentata del 18% dall'inizio del 2014, secondo l'ultimo rapporto di Waste watcher knowledge for Expo''.

sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina