mercoledì 22 febbraio | 23:28
pubblicato il 12/ago/2014 16:57

*Inflazione: e' allarme deflazione. Insorgono consumatori e produttori

(ASCA) - Roma, 12 ago 2014 - Per l'Italia si avvicina sempre piu' lo spettro della deflazione. Per il mese di luglio infatti, l'Istat conferma le stime preliminari che indicavano un'inflazione in frenata allo 0,1% (era allo 0,3% a giugno), mentre quella acquisita per l'intero anno resta ferma allo 0,3%. ''Il rallentamento dell'inflazione - spiega l'Istat - e' principalmente imputabile all'ampliarsi della flessione su base annua dei prezzi degli Energetici regolamentati. Il contributo di altri raggruppamenti di prodotto e' marginale''.

Insorgono le associazioni dei consumatori che parlano di grido di allarme delle famiglie che non riescono piu' a fare acquisti e quindi a creare domanda. ''Siamo in pieno allarme deflazione - denuncia il Codacons -, e l'economia italiana sta rischiando un vero e proprio infarto. Il tasso di crescita dei prezzi oramai azzerato sotto lo zero in alcune citta' e' lo specchio dello stato disastroso in cui versano le famiglie: il potere d'acquisto e' in picchiata libera, l'occupazione ancora a livelli altissimi, la povera' relativa in continuo aumento specie nel sud Italia. Tutti fattori che impediscono ai cittadini di comprare e creano un crollo della domanda''.

All'attacco anche Federconsumatori e Aduebef, secondo le quali ''i dati diffusi oggi dall'Istat sulla contrazione della spesa delle famiglie nel 2013 non fanno altro che confermare una situazione gravissima, che denunciamo da tempo. Una fortissima contrazione dei consumi dovuti ad un potere di acquisto delle famiglie ridotto ai minimi termini e una situazione occupazionale gravissima''.

Preoccupazione anche dai produttori. Per la Coldiretti, e' la frutta fresca a far segnare il maggior crollo dei prezzi con un calo del 10,1% che spinge l'intero settore alimentare verso la deflazione con una riduzione dello 0,6% rispetto allo scorso anno.

''Il calo dei prezzi degli alimentari - sottolinea la Coldiretti - e' il risultato di una spirale recessiva tra deflazione e consumi che ha costretto due famiglie su tre (65%) a tagliare la qualita' o la quantita' di almeno uno dei generi alimentari acquistati e sale al 14,4% la quota di famiglie che sceglie l'hard discount per l'acquisto di generi alimentari. Pur di non acquistare piu' di otto italiani su dieci (81%) sono arrivati - precisa la Coldiretti - a non buttare il cibo scaduto ma a mangiarlo, con una percentuale che e' aumentata del 18% dall'inizio del 2014, secondo l'ultimo rapporto di Waste watcher knowledge for Expo''.

sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech