lunedì 23 gennaio | 16:38
pubblicato il 29/nov/2013 14:40

Inflazione: Confcommercio, calo prezzi riflette crisi consumi

Inflazione: Confcommercio, calo prezzi riflette crisi consumi

(ASCA) - Roma, 29 nov - Per la Confcommercio il dato sull'inflazione e' per certi versi ''inatteso, ma riflette la gravita' della crisi della domanda: in soli tre mesi, i prezzi al consumo sono diminuiti di 9 decimi di punto, dinamica che raramente si e' rilevata nel nostro Paese (una flessione di analoga entita' si registro' tra agosto e gennaio 2009)''. Questo il commento dell' Ufficio Studi di Confcommercio alle stime dei prezzi di novembre diffuse oggi dall'Istat. I due episodi - spiega Confcommercio - sono molto differenti: allora si verifico' un crollo dei prezzi delle materie prime dopo le speculazioni che spinsero l'inflazione in alto durante il 2008, mentre oggi il fenomeno deflazionistico e' tutto causato dalla debolezza dei consumi e si verifica, addirittura, in presenza di un incremento dell'aliquota Iva, ma nonostante i riflessi positivi del calo dei prezzi al consumo, l'ultimo trimestre non chiarisce affatto se sia stato raggiunto il punto di minimo dell'attuale ciclo recessivo. La riduzione dei prezzi si associa anche a gravi e perduranti criticita' nel mercato del lavoro, disegnando i primi tratti di un possibile scenario deflazionistico e depressivo che va con ogni mezzo scongiurato. Infatti nel mese di ottobre 2013, il numero di occupati e disoccupati, pur rimanendo sostanzialmente invariato rispetto al mese di settembre, evidenzia, nel confronto su base annua, dati molto preoccupanti: -408mila occupati, +287mila disoccupati. Il tasso di disoccupazione e' in aumento di 1,2 punti percentuali nei dodici mesi. Stando agli ultimi dati oltre il 52% delle persone in cerca di un'occupazione ha perso un lavoro. Anche nell'ultimo mese non si e' arrestata la crescita della disoccupazione giovanile (15-24 anni) che ha raggiunto le 663mila unita', pari al 41,2% della popolazione di riferimento, con un aumento di 0,7 punti rispetto a settembre e di 4,8 rispetto ai 12 mesi fa. Il Governo - conclude Confcommercio - dovrebbe fornire un chiaro segnale che e' possibile aprire una stagione di progressiva, anche se cauta e modesta, riduzione della pressione fiscale complessiva, partendo dall'inserimento nella Legge di Stabilita' di un provvedimento che restituisca ai contribuenti in regola, e in modo certo e automatico, tutte le maggiori risorse recuperate dalla lotta all'evasione e all'elusione fiscale.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4