domenica 26 febbraio | 23:23
pubblicato il 12/ago/2014 12:06

Inflazione, Codacons: allarme deflazione, specchio crisi consumi

Economia a rischio infarto (ASCA) - Milano, 12 ago 2014 - I dati Istat che vedono dieci grandi citta' registrate una inflazione negativa a luglio, sono "lo specchio della grave crisi dei consumi" attraversata dall'Italia, secondo il Codacons. "Siamo in pieno allarme deflazione, e l'economia italiana sta rischiando un vero e proprio infarto", ha affermato il presidente dell'associazione di consumatori Carlo Rienzi. "Il tasso di crescita dei prezzi oramai azzerato sotto lo zero in alcune citta' e' lo specchio dello stato disastroso in cui versano le famiglie: il potere d'acquisto e' in picchiata libera, l'occupazione ancora a livelli altissimi, la povera' relativa in continuo aumento specie nel sud Italia. Tutti fattori che impediscono ai cittadini di comprare e creano un crollo della domanda", ha aggiunto.

Il governo, secondo Rienzi, deve "correre ai ripari incentivando i consumi e riducendo la pressione fiscale specie per le famiglie a reddito medio-basso perche' se l'inflazione continuera' a scendere, l'economia italiana subira' un 'infarto' con conseguenze pesantissime in tutti i settori e una nuova ondata di poverta'".

Red-Bos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech