venerdì 09 dicembre | 16:33
pubblicato il 31/mag/2011 11:15

Inflazione/ A maggio stabile al 2,6%, ma +0,1% su mese

Ipca sale al 2,9%

Inflazione/ A maggio stabile al 2,6%, ma +0,1% su mese

Roma, 31 mag. (askanews) - A maggio l'inflazione è rimasta stabile al 2,6%, su base annua, lo stesso valore registrato ad aprile, rimanendo comunque sui massimi livelli da novembre 2008. Secondo le stime preliminari fornite dall'Istat, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività, comprensivo dei tabacchi, ha registrato un aumento dello 0,1% rispetto ad aprile 2011. L'inflazione acquisita per il 2011 è pari al 2,3%. L'inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, si stabilizza all'1,8%. Al netto dei soli beni energetici, il tasso di crescita tendenziale dell'indice dei prezzi al consumo sale al 2,1% dal 2,0% di aprile 2011. Sul piano tendenziale, la variazione dei prezzi dei beni sale al 3,0%, con una lieve accelerazione rispetto ad aprile 2011 (+2,9%) e quella dei prezzi dei servizi si porta al +2,3% dal +2,2% del mese precedente. Come conseguenza di tali andamenti, il differenziale inflazionistico tra beni e servizi resta invariato rispetto al mese di aprile. La stabilizzazione dell'inflazione, a maggio, risente - spiega l'Istat - della flessione congiunturale dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti e dei Beni non durevoli, i cui effetti sull'indice generale risultano, tuttavia, controbilanciati dall'aumento mensile dei prezzi dei Beni Alimentari e da quello, per quanto più contenuto, dei Beni energetici regolamentati. Sulla base delle stime preliminari, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e del 3% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, con un'accelerazione di un decimo di punto percentuale rispetto ad aprile 2011 (+2,9%). I maggiori incrementi congiunturali dei prezzi riguardano i Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+0,7%), i Servizi ricettivi e di ristorazione (+0,5%), i Mobili, articoli e servizi per la casa e gli Altri beni e servizi (per entrambi +0,2%) (Prospetto 1). In calo risultano i prezzi dei Servizi sanitari e spese per la salute (-0,4%), dei Trasporti e di Ricreazione, spettacoli e cultura (per entrambi -0,3%) e delle Comunicazioni (-0,2%). Sul piano tendenziale i maggiori tassi di crescita interessano le divisioni Trasporti (+5,7%), Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+4,8%), Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+3,0) e Altri beni e servizi (+2,8%). Quelli più contenuti riguardano le divisioni Ricreazione, spettacoli e cultura (+0,2%) e Servizi sanitari e spese per la salute (+0,4%). In flessione risultano i prezzi delle Comunicazioni (-1,1%).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Morto a 95 anni John Glenn, il primo austronauta Usa in orbita
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina