lunedì 05 dicembre | 06:09
pubblicato il 18/set/2014 16:01

Industria, Squinzi: adottare senza indugi credito imposta ricerca

Costa poco, c'e' in tutta Europa (ASCA) - Roma, 18 set 2014 - Il credito di imposta per l'innovazione e la ricerca va adottato "senza altri indugi" perche' costa poco e rende competitive le imprese. Questo il monito arrivato dal presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, nel corso di un suo intervento a un convegno sulle telecomunicazioni organizzato da Asstel. "In Italia - ha detto Squinzi - va avviata una fase di sostegno reale all'industria con strumenti semplici, rapidi e di immediata attuazione. Il credito d'imposta in innovazione e ricerca costa poco e restituisce competitivita' alle imprese e risorse a lungo termine allo Stato". "C'e' in tutta Europa - ha incalzato Squinzi - e funziona. Adottiamolo senza altri indugi". Per il presidente di Confindustria "l'obiettivo della crescita e dell'occupazione deve orientare tutte le nostre azioni, scelte e decisioni a livello di imprese, Confindustria, governo e istituzioni europee se vogliamo rispondere ad una situazione estremamente seria".

Rbr/Ral

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari