sabato 03 dicembre | 13:14
pubblicato il 21/lug/2014 12:52

Industria: Camusso, nostro sistema si sta ridimensionando

(ASCA) - Torino, 21 lug 2014 - ''E' la nostra preoccupazione e abbiamo lanciato l'allarme nei giorni scorsi. Abbiamo un livello di processi annunciati di ridimensionamento delle attivita' produttive nei settori srtategici che ci fanno temere per la tenuta del nostro sistema industriale''. Cosi' il segretario generale della Cgil Susanna Camusso commenta i dati sul rallentamento di ordinativi e fatturato dell'industria registrati dall'Istat per il mese di maggio.

''Ci sono anche elementi congiunturali - osserva Camusso - ma sono in realta' il segno di un progressivo ridimensionamento del nostro sistema industriale, e vediamo una totale disattenzione sui temi del lavoro, dell'industria di quali scelte di investimento fare che non sono nell'agenda politica. Se rinunciamo ad avere una funzione di investimento nella chimica o nella siderurgia facciamo due danni giganteschi, da un lato sull'occupazione, e dall'altro che quel poco di industria che rimane dovra' alimentarsi tutta dall'esterno''.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari