sabato 25 febbraio | 13:09
pubblicato il 18/set/2015 13:33

India, Banca centrale: no eccesso stimoli o finiamo come Brasile

Rajan: puntare a crescita sostenibile, con inflazione contenuta

India, Banca centrale: no eccesso stimoli o finiamo come Brasile

Bombay, 18 set. (askanews) - Oggi l'India spicca come "un'isola di calma relativa in mezzo a un mare in tempesta", ma il governatore della Banca centrale ha messo in guardia dalla tentazione di spingere eccessivamente sulla già forte crescita economica: si rischia di fare la fine del Brasile. "Paradossalmente, il Brasile sembra aver tentato di crescere troppo", ha affermato Raghuram Rajan, già capo economista del Fondo monetario internazionale, durante un convegno di imprenditori a Bombay.

Il subcontinente deve puntare alla sostenibilità della sua crescita economica, che parte dal mantenimento dell'inflazione a livelli contenuti. "Dobbiamo avere la disciplina di perseguire la nostra strategia di creazione delle istituzioni necessarie a favorire un percorso di crescita sostenibile. Per questo - ha proseguito - dobbiamo capirci e cooperare con le imprese, senza avere impazienza e senza pressioni per affrettare soluzioni impossibili".

Il tutto mentre l'India continua a crescere a ritmi sostenuti, laddove gli altri giganti emergenti solitamente raggruppati nella sigla "Brics" si trovano in situazioni ben meno rosee. Brasile e Russia sono caduti in recessioni, per cause diverse, il Sud Africa è in affanno e la Cina ha subìto un rallentamento della crescita a livelli che non registrava da quasi un quarto di secolo.

L'India "sembra un'isola di calma relativa in un mare in tempesta. I nostri partner dei Brics hanno profondi problemi - ha detto Rajan -. Le attuali difficoltà dei mercati emergenti derivano da un un insieme complesso di ragioni, ma uno dei motivi di fondo è l'impazienza di riguadagnare crescita mettendo enfasi eccessiva in vecchi strumenti di stimolo. La Cina potrebbe aver investito troppo e il Brasile - ha concluso il banchiere centrale - potrebbe aver speso troppo".

La Banca centrale dell'India guidata da Rajan è sotto pressione da parte del governo dei nazionalisti del premer Narendra modi, affinché a fine mese operi un nuovo taglio dei tassi di interesse, che sarebbe il quarto dall'inzio dell'anno. Modi ha promesso riforme a favore della crescita e delle imprese, ma ha anche fissato l'obiettivo simbolico di pareggiare la crescita economica della Cina. In realtà attualmente l'India segna tassi di espansione già superiori a quelli cinesi: più 7,2 per cento annuo nel secondo trimestre, secondo l'Ocse, a fronte del più 7 per cento del Dragone.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech