giovedì 19 gennaio | 17:00
pubblicato il 04/dic/2013 12:27

Indesit: De Vincenti, raggiunto accordo positivo. Evitati 1.400 esuberi

(ASCA) - Roma, 4 dic - ''Il Governo giudica molto positivamente questo accordo perche', grazie al confronto, l'azienda ha profondamente modificato il suo piano industriale originario ed ora risulta scongiurato completamente il rischio di oltre 1400 esuberi, il che rappresenta un risultato decisivo per i lavoratori e le loro famiglie''. Cosi' il Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico Claudio De Vincenti commenta l'accordo sulla vertenza INDESIT raggiunto- dopo la rottura della trattativa che si era consumata il 19 novembre- la scorsa notte, senza pero' la firma della Fiom. ''Molto significativo- osserva inoltre De Vincenti- e' il rientro in Italia di tre linee produttive. E questo ha un valore molto importante per tutto il settore dell'elettrodomestico. E' cioe' importante che anche in questo caso, come gia' accaduto nelle vertenze Bridgestone e Natuzzi, imprese in difficolta' riportino in Italia pezzi di produzione. Un bel segnale''. Impegno del Gruppo a ritirare la procedura di mobilita' attivata a seguito della rottura di pochi giorni fa. Dai 1425 esuberi previsti, a nessuno. Utilizzo di ammortizzatori sociali di tipo conservativo, ovvero contratti di solidarieta' e cassa integrazione (non piu' di quattro mesi per lavoratore). L'azienda, per 5 anni, non ricorrera' a licenziamenti. Rientro in Italia di produzioni fin qui realizzate in Spagna, Polonia e Turchia. Investimenti per oltre 80 milioni di euro. E' su queste basi che al Mise e' stato trovato l'accordo. Tale accordo sara' ora sottoposto, con referendum, al giudizio dei lavoratori.

All'incontro dal quale poi e' scaturito l'accordo hanno preso parte i rappresentanti delle Regioni Campania e Marche, i sindaci delle zone interessate, i vertici della multinazionale, esponenti di Confindustria delle due regioni in questione, le organizzazioni sindacali ai livelli nazionale, territoriale e aziendale. Nel dettaglio, oltre agli ammortizzatori sociali che tuteleranno tutti i lavoratori nell'arco di vigenza del piano industriale, per 330 lavoratori e' previsto il ricorso al pensionamento in quanto maturino i requisiti. A giudizio dell'esecutivo, rileva il Mise, ''questa intesa- se ratificata- e' destinata a rafforzare il radicamento italiano di INDESIT e a garantire lo sviluppo di produzioni di gamma alta e media. L'esecutivo- alla luce di questa valutazione- guarda con fiducia alla consultazione tra i lavoratori che dovranno giudicare l'accordo''. ''Il Governo- conclude De Vincenti- ha sempre operato per un accordo unitario e auspica che, alla fine del percorso, tale obiettivo possa comunque essere raggiunto''. com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Immunoterapia, un libro sulla quarta arma contro il cancro
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale