venerdì 02 dicembre | 18:55
pubblicato il 17/lug/2012 20:21

Inchiesta rating/Draghi:Analisti e uffici rating in conflitto

Il Tg5 riporta il verbale dell'ex Governatore Bankitalia

Inchiesta rating/Draghi:Analisti e uffici rating in conflitto

Milano, 17 lug. (askanews) - "Conosco il fenomeno, che esiste ed è documentato. Vi è un conflitto tra analisti e uffici che producono il rating". E' quanto dichiarato da Mario Draghi al pubblico ministero di Trani, Michele Ruggiero, nell'ambito dell'inchiesta della Procura sulle agenzie di rating e sul declassamento del nostro sistema bancario operato da Moody's il 6 maggio 2010, secondo quanto riferito da Andrea Pamparana durante il Tg5. Pamparana, si legge in una nota, riporta il verbale del 24 gennaio 2011, quando Mario Draghi, ora alla guida della Bce, era ancora governatore della Banca d'Italia." Va rammentato - ha aggiunto in procura l'attuale banchiere centrale - che le società che proponevano i prodotti strutturati soggetti a rating erano società da cui dipendevano quelle stesse agenzie".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Premio "CambiaMenti" CNA a TRed
Premio "CambiaMenti" CNA a TRed: made in Italy, ricerca, tecnologia
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
San Marino, maxistella a Led inaugurerà il Natale delle Meraviglie
Lifestyle
Editoria, Ecra: Papi e Giubilei da Leone XIII a Francesco
TechnoFun
Archeologia, allo studio app per riconoscimento automatico reperti
Sostenibilità
A Roma Isola della sostenibilità, economia da lineare a circolare
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari