giovedì 23 febbraio | 10:23
pubblicato il 13/mar/2014 20:43

In Usa prodotti 200 mld di Kg di formaggi italiani "taroccati"

Dal "Parmesan" a mozzarella, da provolone all'asiago

In Usa prodotti 200 mld di Kg di formaggi italiani "taroccati"

Roma (askanews) - Negli Stati Uniti sono stati prodottinel 2013 oltre 200 miliardi di chili di formaggi di tipo"italiano" dal "Parmesan" all'Asiago, dal Provolone allaMozzarella, fino al Gorgonzola che nulla hanno a che fare con iltessuto produttivo Made in Italy. E' quanto emerge da una analisidella ColdirettiIn Usa il mercato dei formaggi italiani "taroccati" ottenutisoprattutto in Wisconsin, California e nello Stato di New Yorkvale vale 5 miliardi di euro e rappresenta oltre l 80 per cento delle vendite di formaggi "italiani"."Si tratta di un grave inganno perché - sottolinea la Coldiretti- i prodotti originali Made in Italy sono profondamente diversidalle imitazioni che non devono rispettare i rigidi disciplinaridi produzione dell'Unione Europea. E ' come se si pretendesse di chiamare Coca Cola qualsiasi bevanda di colore scuro con le bollicine".

Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech