domenica 04 dicembre | 17:52
pubblicato il 19/feb/2016 13:23

In Italia 4 disoccupati su 10 diventano inattivi, maglia nera Ue

E meno di 1 su 6 trova lavoro: 14,3% contro il 17,9% di media Ue

In Italia 4 disoccupati su 10 diventano inattivi, maglia nera Ue

Roma, 19 feb. (askanews) - L'Italia è il Paese europeo dove si registra la maggior percentuale di disoccupati che rinunciano alla ricerca di un posto, finendo così nella categoria degli "inattivi". Tra il secondo e il terzo trimestre del 2015 oltre 4 disoccupati su 10 nella Penisola, il 41,6 per cento, hanno effettuato questo passaggio, secondo un rapporto pubblicato da Eurostat, l'ente di statistica comunitario. Si tratta della quota più elevata di tutta l'Ue e più del doppio della media, pari al 19,4 per cento.

Prendendo a riferimento i disoccupati nella fascia di età 15-74 anni, sempre in Italia un altro 14,3 per cento è diventato occupato (sempre tra il secondo e il terzo trimestre), a fronte del 17,9 per cento della media Ue. Il rimanente 44,2 per cento è rimasto disoccupato, rispetto al 62,7% nella media Ue.

In sintesi: in Italia è più bassa la percentuale di disoccupati che trovano lavoro ed è molto più alta quella di coloro che invece, rinunciando a cercarlo, diventando inattivi.

Il poco invidiabile primato italiano potrebbe comunque spiegarsi in parte anche con ragioni tecniche sulla compilazione statistica. Il rapporto dell'agenzia comunitaria si basa sulle rilevazioni effettuate e comunicate dalle singole agenzie di statistica nazionali. Senza sbilanciarsi su eventuali cause economiche dei fenomeni evidenziati dai dati, da Eurostat osservano che i parametri in base ai quali gli intervistati vengono contabilizzati come "disoccupati" devono essere rispettati rigorosamente e sono, primo, l'aver attivamente cercato un posto di lavoro nelle 4 settimane precedenti all'intervista e, secondo, esser disponibili ad accettare un lavoro immediatamente o entro 2 settimane. Se non si rispetta uno di questi requisiti si finisce tra gli "inattivi".

In pratica, basta non aver effettuato una azione di ricerca attiva di lavoro per un mese per diventare statisticamente un "inattivo". Storicamente in Italia i movimenti tra disoccupati e inattivi risultano più marcati. Una controprova è quello che accade agli inattivi stessi, che nel 5 per cento dei casi in Italia passano nella categoria dei disoccupati, a fronte del 3,6 per cento della media Ue. Mentre gli inattivi che diventano occupati in Italia sono il 3,1 per cento, meno della media Ue del 3,4 per cento.

Nello studio comparato, poi, mancano i dati della Germania, che essendo il Paese demograficamente ed economicamente più grande di tutta l'Unione potrebbe aver avuto effetti rilevanti sui valori medi. Questo è dovuto al fatto che per poter effettuare questa statistica le interviste trimestrali devono essere condotte sui medesimi individui. In Germania invece, spiegano ancora da Eurostat, ogni tre mesi il campione di intervistati cambia, quindi non si può effettuare il calcolo. Mancano anche i dati su Belgio e Romania.

Ad ogni modo, gli altri Stati dove le percentuali di disoccupati "scoraggiati" che diventano inattivi sono più alte sono la Finlandia (34%) e la Lettonia (28,9%). All'opposto quelli con le percentuali più basse sono la Grecia, dove solo uno 0,4 per cento di disoccupati diventano inattivi, posto però che il 93,6 per cento restano disoccupati, la Slovacchia (2,2% di inattivi con un 87,6% che restano disoccupati) e la Lituania (5,3%).

Tornando al quadro generale dell'Ue, partendo dagli occupati il 96,7 per cento rimasto tale tra secondo e terzo trimestre, un 1,4 per cento è diventato disoccupato e un 2 per cento inattivo. Partendo invece dagli inattivi, il 3,4 per cento ha trovato una occupazione, il 3,6 per cento è diventato disoccupato (ossia ha iniziato la ricerca di lavoro senza trovarlo) e il 93 per cento è rimasto inattivo.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari