venerdì 24 febbraio | 18:37
pubblicato il 04/set/2014 11:26

In corso board Bce, focus su frenata crescita e inflazione

Recente speech Draghi ha creato attese, euro stabile a 1,3146 usd (ASCA) - Roma, 4 set 2014 - Con la crescita di Eurolandia in stallo e l'inflazione ancora in calo, la Bce potrebbe decidere di "battere un colpo", magari anche solo apportando cambiamenti significativi alla retorica del comunicato diffuso al termine della riunione di inizio mese. Il Consiglio direttivo e' in corso da questa mattina. Le decisioni di politica monetaria verranno comunicate alle 13 e 45 mentre alle 14 e 30 Draghi terra' la consueta conferenza stampa esplicativa.

Il recente peggioramento del quadro, citato dal presidente Mario Draghi al simposio che si e' svolto ad agosto negli Usa, a Jackson Hole, ha innescato attese di possibili nuove misure espansive, e conseguenti aggiustamenti al ribasso dell'euro.

Molti analisti non prevedono provvedimenti immediati, ma qualcuno ipotizza ulteriori tagli dei tassi di interesse, che tuttavia dato gli ormai quasi inesistenti margini di manovra avrebbero piu' che altro un carattere simbolico. Il principale riferimento sul costo del danaro e' gia' allo 0,15 per cento.

La banca d'affari JPMorgan invece ha fatto pronostici sul programma di acquisti di titoli cartolarizzati (Abs) gia' deciso, e che la Bce deve finalizzare. Ma anche in questo caso, con circa 40 miliardi di euro, non si tratterebbe di un provvedimento risolutivo rispetto alla mole complessiva dell'area euro. Prima di procedere definitivamente a qualcosa di piu' energico - un piano di acquisti generalizzati di titoli anche pubblici, un "Quantitative Easing" che pero' non sarebbe agevole da far passare nel direttorio - la Bce, come e' sua consuetudine, potrebbe voler aspettare di verificare quali siano gli effetti concreti delle nuove manovre espansive, gia' attuate di recente. Il recente calo dell'euro - poco sopra 1,31 dollari e' ormai ai minimi da un anno - smorza in parte le pressioni, perche' potrebbe contribuire a favorire una ripresa inflattiva. Laddove fino a poche settimane i rialzi della valuta condivisa avevano l'effetto opposto. A meta' mattina l'euro si attesta poco mossa a 1,3146 dollari.

Voz

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
Alitalia
Alitalia, sindacati: adesione sciopero unanime, azienda tratti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech