venerdì 02 dicembre | 23:57
pubblicato il 04/set/2014 11:26

In corso board Bce, focus su frenata crescita e inflazione

Recente speech Draghi ha creato attese, euro stabile a 1,3146 usd (ASCA) - Roma, 4 set 2014 - Con la crescita di Eurolandia in stallo e l'inflazione ancora in calo, la Bce potrebbe decidere di "battere un colpo", magari anche solo apportando cambiamenti significativi alla retorica del comunicato diffuso al termine della riunione di inizio mese. Il Consiglio direttivo e' in corso da questa mattina. Le decisioni di politica monetaria verranno comunicate alle 13 e 45 mentre alle 14 e 30 Draghi terra' la consueta conferenza stampa esplicativa.

Il recente peggioramento del quadro, citato dal presidente Mario Draghi al simposio che si e' svolto ad agosto negli Usa, a Jackson Hole, ha innescato attese di possibili nuove misure espansive, e conseguenti aggiustamenti al ribasso dell'euro.

Molti analisti non prevedono provvedimenti immediati, ma qualcuno ipotizza ulteriori tagli dei tassi di interesse, che tuttavia dato gli ormai quasi inesistenti margini di manovra avrebbero piu' che altro un carattere simbolico. Il principale riferimento sul costo del danaro e' gia' allo 0,15 per cento.

La banca d'affari JPMorgan invece ha fatto pronostici sul programma di acquisti di titoli cartolarizzati (Abs) gia' deciso, e che la Bce deve finalizzare. Ma anche in questo caso, con circa 40 miliardi di euro, non si tratterebbe di un provvedimento risolutivo rispetto alla mole complessiva dell'area euro. Prima di procedere definitivamente a qualcosa di piu' energico - un piano di acquisti generalizzati di titoli anche pubblici, un "Quantitative Easing" che pero' non sarebbe agevole da far passare nel direttorio - la Bce, come e' sua consuetudine, potrebbe voler aspettare di verificare quali siano gli effetti concreti delle nuove manovre espansive, gia' attuate di recente. Il recente calo dell'euro - poco sopra 1,31 dollari e' ormai ai minimi da un anno - smorza in parte le pressioni, perche' potrebbe contribuire a favorire una ripresa inflattiva. Laddove fino a poche settimane i rialzi della valuta condivisa avevano l'effetto opposto. A meta' mattina l'euro si attesta poco mossa a 1,3146 dollari.

Voz

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari