martedì 24 gennaio | 16:48
pubblicato il 14/set/2016 13:23

In bollette un quarto della spesa. Ecco come cambiano i consumi

Studio Confcommercio: meno cibo e vestiti più spese per la casa

In bollette un quarto della spesa. Ecco come cambiano i consumi

Roma, 14 set. (askanews) - Meno cibo e vestiti, più spese obbligate: così è cambiata in vent'anni la spesa degli italiani. Affitto e bollette oggi assorbono quasi un quarto della spesa. Nel 1995 la quota di spesa procapite destinata all'abitazione e alle bollette di gas, elettricità ed acqua era al 18,3% mentre nel 2015 è schizzata al 23,9%. Nello stesso periodo la quota di spesa per alimentari e bevande è scesa dal 16,9% del 1995 al 14,3% del 2015. In calo anche i consumi legati al vestiario e alle calzature con risorse passate dal 7,7% al 6,2%. E' la fotografia scattata dall'Ufficio Studi di Confcommercio nello studio sui consumi delle famiglie.

Dunque meno beni e più servizi, meno consumi commercializzabili e più spese obbligate. I cambiamenti nella struttura della spesa per consumi degli ultimi anni vanno ad ispessire la quota destinata all'abitazione e ai servizi ad essa collegati (gas, luce, acqua) e quella destinata ai consumi fuori casa, soprattutto per ragioni socio-demografiche. Le due aree hanno guadagnato 7,5 punti percentuali nel complesso, a scapito degli alimentari (-2,6 punti percentuali in venti anni), del vestiario e delle calzature (-1,5%), dei mobili e degli elettrodomestici (-1,8).

La terziarizzazione dei consumi, secondo Confcommercio, è forse un fenomeno ancora sottovalutato: la quota di spesa per i beni è passata in venti anni dal 56,4% al 47,4%, con una perdita di nove punti percentuali. I consumi ormai sono sempre più acquisizione di servizi (soluzioni, piuttosto che oggetti). Al netto della componente di prezzo, alcuni beni hanno conosciuto dinamiche eccezionalmente positive. Sono evidenti tanto il caso dell'elettronica di consumo, assieme all'information technology domestica, quanto quello dei beni e dei servizi per le telecomunicazioni: il consumo pro capite in queste aree nel corso degli ultimi 21 anni, facendo riferimento al 2016 come punto d'arrivo, è stato moltiplicato per 4,4 nel primo caso e per 2,8 nel secondo. Nel periodo della grande crisi (2008-2014), infine, a fronte di una riduzione media dei consumi reali pro capite pari all'1,6% i servizi domestici e le altre spese della gestione della casa sono cresciuti dello 0,8% medio annuo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4