domenica 22 gennaio | 19:59
pubblicato il 30/giu/2016 13:00

In 6 anni boom occupati tra cuochi, educatori cinofili e terapeuti

Cna: +28% occupazione per professionisti non inquadrati in ordini

In 6 anni boom occupati tra cuochi, educatori cinofili e terapeuti

Roma, 30 giu. (askanews) - Negli ultimi sei anni, a fronte di un calo dell'occupazione generale, in Italia è cresciuto l'esercito dei professionisti non appartenenti ad ordini o collegi. Tra il 2009 e il 2015 per cuochi, educatori cinofili, terapeuti e tributaristi l'occupazione è cresciuta infatti del 28%. A rilevarlo è la Cna in un'indagine dell'Osservatorio Professioni che cerca di far luce su questo universo in "costante e fortunato" incremento disciplinato dalla Legge 4/2013.

La Cna specifica che non si tratta di "professionisti di serie B" rispetto a quelli inquadrati negli ordini. Posseggono, di regola, un solido curriculum di studi e formazione con pochi eguali: quasi il 54% è laureato, con punte che sfiorano l'88% nell'attività di arti-terapeuta e il 98% tra i chinesiologi. Inoltre quasi l'80% dei professionisti non ordinistici, insomma, ha conseguito diplomi, abilitazioni o altri titoli aggiuntivi e diversi da quello di studio previsti per svolgere la propria attività.

Significativa è anche la componente femminile delle professioni non ordinistiche: a esercitare sono per il 40,2% donne, contro il 59,8% di uomini. Quanto all'età, la media di questi professionisti ha 46 anni, con il 4% tra i 19 e i 25 anni, il 20,7% tra i 25 e i 35 anni, il 24,2% tra i 35 e i 45 anni. Più giovani mediamente i professionisti che offrono servizi per la salute, meno quanti propongono servizi alle imprese.

Per questa categoria di lavoratori Cna Professioni chiede di definire "inequivocabilmente" le caratteristiche che escludono il professionista dal pagamento dell'Irap per assenza di autonoma organizzazione; introdurre correttivi nella normativa per favorire forme di aggregazione e di organizzazione tra professionisti per agevolarne l'accesso ai bandi di gara e aiutarli nella crescita delle attività; prevedere, in caso di malattia o di infortunio tali da impedire lo svolgimento dell'attività lavorativa per un periodo superiore ai due mesi, la sospensione del versamento dei tributi e delle imposte oltre che dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4