mercoledì 22 febbraio | 05:59
pubblicato il 29/ago/2013 11:30

Imu: Cgia, i maggiori benefici dell'abolizione alle famiglie laziali

Imu: Cgia, i maggiori benefici dell'abolizione alle famiglie laziali

(ASCA) - Roma, 29 ago - Con l'abolizione dell'Imu sulla prima casa i maggiori benefici ricadranno sulle tasche delle famiglie laziali: a seguito di un gettito complessivo sulla prima casa che, nel 2012, ha portato nelle casse dei Comuni laziali 753,2 milioni di euro, con il mancato pagamento dell'Imu le famiglie risparmieranno mediamente, nell'arco dell'anno, ben 457 euro. A ruota seguono quelle della Liguria: con un gettito complessivo annuo che nel 2012 e' stato di 170,1 milioni di euro, pari ad una media per famiglia di 295 euro all'anno. Al terzo posto di questa speciale graduatoria si piazzano le famiglie piemontesi: dopo aver pagato l'anno scorso ben 379,5 milioni di euro, il vantaggio su base annua sara' di 274 euro.

Sono alcuni effetti economici segnalati dalla Cgia di Mestre che ha misurato i vantaggi che le famiglie italiane 'godranno' dall' abolizione dell'Imu sulla prima casa decisa ieri dal Governo Letta. L'associazione torna poi a ribadire la necessita' di evitare l'aumento di un punto percentuale dell'Iva previsto per il prossimo 1 ottobre. ''Dopo l'abolizione dell'Imu sulla prima casa - dichiara il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi - bisogna assolutamente evitare l'incremento dell'aliquota ordinaria dell'Iva. Questa crisi e' in gran parte condizionata dal forte calo registrato in questi ultimi anni dalla domanda interna. Se non verra' scongiurato l'aumento dell'imposta sul valore aggiunto daremo un ulteriore colpo ai consumi interni penalizzando soprattutto le famiglie meno abbienti e le attivita' economiche che operano sul mercato interno''.

Per quanto riguarda l'Imu, la Cgia torna a denunciare un grosso pericolo gia' sollevato nei giorni scorsi: ''Aver tolto l'Imu sulla prima casa e' un segnale di grande sensibilita' nei confronti delle famiglie. Tuttavia - conclude Bortolussi - c'e' il pericolo di veder ritoccate all'insu' le aliquote sulle attivita' produttive. Dato che il gettito della prima casa finisce interamente nelle casse dei Comuni, c'e' la possibilita', a fronte di questa mancata entrata e di un eventuale ritardo nell'applicazione delle misure compensative, che molti Sindaci si affrettino ad aumentare le aliquote sui beni strumentali per far cassa. Uno scenario che dobbiamo assolutamente scongiurare''.

com-fch/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia