venerdì 09 dicembre | 15:18
pubblicato il 03/dic/2013 17:08

Imu: Cgia, da acconti Ires e Irap aggravio medio di 1.200 euro

(ASCA) - Roma, 3 dic - Con l' aumento degli acconti Ires e Irap dal 101 al 102,5 per cento, entro il prossimo 10 dicembre ogni societa' di capitale dovra' versare, rispetto al 2012, un maggiore acconto medio di poco superiore ai 1.200 euro. E' quanto calcola la Cgia in riferimento all'incremento di 1,5 punti percentuali disposto nei giorni scorsi dal Governo al fine di coprire il mancato gettito della prima rata dell'Imu che si aggiunge ad un ulteriore aumento di un punto percentuale pprovato nel giugno di quest'anno. ''E' vero che gli aumenti degli acconti Ires e Irap altro non sono che una anticipazione e non un incremento di tassazione - dichiara il Segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi - Tuttavia, in una fase economica cosi' difficile e caratterizzata da scarsa liquidita', chiedere un ulteriore sforzo alle imprese sarebbe un errore''. Dalla CGIA sottolineano che l'incremento degli acconti dal 100 al 102,5 per cento costringera' le societa' di capitali a pagare un miliardo di euro in piu'. Si ricorda che a giugno di quest'anno il Decreto legge n* 76 (che ha spostato dal 1* luglio al 1* ottobre l'aumento dell'aliquota Iva dal 21 al 22 per cento) aveva alzato le soglie degli acconti Ires e Irap di un punto, portandoli dal 100 al 101 per cento.

''A livello pro azienda non stiamo parlando di una cifra media importantissima - prosegue Bortolussi - ma sommata all'aumento della pressione fiscale generale e alla contrazione nell'erogazione del credito avvenuto in questo ultimo anno, potrebbero mettere in difficolta' numerose aziende. La copertura della prima rata dell'Imu e' saltata a seguito del mancato pagamento della sanatoria delle concessionarie dei giochi e , soprattutto, in ragione del fatto che la Pubblica amministrazione non ha saldato i suoi debiti nei confronti delle imprese. Ebbene, a pagare il conto saranno queste ultime che, per gli anni di imposta 2013 e 2014, si vedranno aumentare di 1,5 punti percentuali gli acconti fiscali Ires e Irap. Insomma, oltre al danno la beffa''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina