lunedì 23 gennaio | 14:15
pubblicato il 03/dic/2013 17:08

Imu: Cgia, da acconti Ires e Irap aggravio medio di 1.200 euro

(ASCA) - Roma, 3 dic - Con l' aumento degli acconti Ires e Irap dal 101 al 102,5 per cento, entro il prossimo 10 dicembre ogni societa' di capitale dovra' versare, rispetto al 2012, un maggiore acconto medio di poco superiore ai 1.200 euro. E' quanto calcola la Cgia in riferimento all'incremento di 1,5 punti percentuali disposto nei giorni scorsi dal Governo al fine di coprire il mancato gettito della prima rata dell'Imu che si aggiunge ad un ulteriore aumento di un punto percentuale pprovato nel giugno di quest'anno. ''E' vero che gli aumenti degli acconti Ires e Irap altro non sono che una anticipazione e non un incremento di tassazione - dichiara il Segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi - Tuttavia, in una fase economica cosi' difficile e caratterizzata da scarsa liquidita', chiedere un ulteriore sforzo alle imprese sarebbe un errore''. Dalla CGIA sottolineano che l'incremento degli acconti dal 100 al 102,5 per cento costringera' le societa' di capitali a pagare un miliardo di euro in piu'. Si ricorda che a giugno di quest'anno il Decreto legge n* 76 (che ha spostato dal 1* luglio al 1* ottobre l'aumento dell'aliquota Iva dal 21 al 22 per cento) aveva alzato le soglie degli acconti Ires e Irap di un punto, portandoli dal 100 al 101 per cento.

''A livello pro azienda non stiamo parlando di una cifra media importantissima - prosegue Bortolussi - ma sommata all'aumento della pressione fiscale generale e alla contrazione nell'erogazione del credito avvenuto in questo ultimo anno, potrebbero mettere in difficolta' numerose aziende. La copertura della prima rata dell'Imu e' saltata a seguito del mancato pagamento della sanatoria delle concessionarie dei giochi e , soprattutto, in ragione del fatto che la Pubblica amministrazione non ha saldato i suoi debiti nei confronti delle imprese. Ebbene, a pagare il conto saranno queste ultime che, per gli anni di imposta 2013 e 2014, si vedranno aumentare di 1,5 punti percentuali gli acconti fiscali Ires e Irap. Insomma, oltre al danno la beffa''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4