lunedì 27 febbraio | 17:25
pubblicato il 03/dic/2013 17:08

Imu: Cgia, da acconti Ires e Irap aggravio medio di 1.200 euro

(ASCA) - Roma, 3 dic - Con l' aumento degli acconti Ires e Irap dal 101 al 102,5 per cento, entro il prossimo 10 dicembre ogni societa' di capitale dovra' versare, rispetto al 2012, un maggiore acconto medio di poco superiore ai 1.200 euro. E' quanto calcola la Cgia in riferimento all'incremento di 1,5 punti percentuali disposto nei giorni scorsi dal Governo al fine di coprire il mancato gettito della prima rata dell'Imu che si aggiunge ad un ulteriore aumento di un punto percentuale pprovato nel giugno di quest'anno. ''E' vero che gli aumenti degli acconti Ires e Irap altro non sono che una anticipazione e non un incremento di tassazione - dichiara il Segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi - Tuttavia, in una fase economica cosi' difficile e caratterizzata da scarsa liquidita', chiedere un ulteriore sforzo alle imprese sarebbe un errore''. Dalla CGIA sottolineano che l'incremento degli acconti dal 100 al 102,5 per cento costringera' le societa' di capitali a pagare un miliardo di euro in piu'. Si ricorda che a giugno di quest'anno il Decreto legge n* 76 (che ha spostato dal 1* luglio al 1* ottobre l'aumento dell'aliquota Iva dal 21 al 22 per cento) aveva alzato le soglie degli acconti Ires e Irap di un punto, portandoli dal 100 al 101 per cento.

''A livello pro azienda non stiamo parlando di una cifra media importantissima - prosegue Bortolussi - ma sommata all'aumento della pressione fiscale generale e alla contrazione nell'erogazione del credito avvenuto in questo ultimo anno, potrebbero mettere in difficolta' numerose aziende. La copertura della prima rata dell'Imu e' saltata a seguito del mancato pagamento della sanatoria delle concessionarie dei giochi e , soprattutto, in ragione del fatto che la Pubblica amministrazione non ha saldato i suoi debiti nei confronti delle imprese. Ebbene, a pagare il conto saranno queste ultime che, per gli anni di imposta 2013 e 2014, si vedranno aumentare di 1,5 punti percentuali gli acconti fiscali Ires e Irap. Insomma, oltre al danno la beffa''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech