venerdì 02 dicembre | 19:11
pubblicato il 21/set/2013 14:06

Imprese: Unioncamere, corrono quelle 'rosa'. +5 mila in un anno

Imprese: Unioncamere, corrono quelle 'rosa'. +5 mila in un anno

(ASCA) - Roma, 21 set - Considerando il periodo giugno 2013-giugno 2012, l'esercito delle imprese femminili e' cresciuto di quasi 5 mila unita' (4.878 per l'esattezza), mettendo a segno un incremento dello 0,34%, mentre le imprese nel loro complesso sono aumentate solo dello 0,13%. Sono gli ultimi dati elaborati dall'Osservatorio dell'Imprenditoria femminile di Unioncamere-InfoCamere. Il 12% e' guidato da under-35, quasi il 6% da immigrate.

Molise, Abruzzo e Basilicata sono le regioni le cui attivita' produttive sono maggiormente tinte di rosa. ''Forse le pari opportunita' non sono ancora pienamente entrate nel dizionario comune degli italiani'', sostiene il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. ''Ma un fatto appare incontrovertibile: anche quando le condizioni del mercato non sono certo vantaggiose, la voglia di impresa delle donne non cede''. Guardando i dati, alla fine del secondo trimestre di quest'anno, le imprese femminili iscritte al Registro delle imprese delle Camere di commercio sono 1.429.880, il 23,6% del totale delle imprese. Quasi il 12% di esse (per complessive 171.414 unita') ha al comando giovani di meno di 35 anni. Otto imprese guidate da donne su 100 si devono all'iniziativa di cittadine straniere. Sono infatti 114.963 le unita' produttive gestite da imprenditrici di altra nazionalita', 82mila delle quali (pari al 5,76% del totale delle imprese femminili in Italia) hanno al vertice una cittadina extracomunitaria. Nella stragrande maggioranza, tuttavia, le imprese femminili (fenomeno che possiamo considerare ancora relativamente recente, visto che l'86% di esse e' stata costituita dopo il 1990), restano di piccola dimensione: quasi il 69% si aggira su un addetto (a fronte del 67% della media nazionale). Il settore terziario continua ad attrarre fortemente l'universo femminile: 3.573 le unita' in piu' nei servizi di alloggio e di ristorazione, 1.107 in piu' quelle legate al noleggio e agenzie di viaggio. Significativi i numeri anche di chi continua a scegliere il mondo dei servizi alla persona (+1.288), ma anche quelli di attivita' che, fino a pochi anni fa, erano appannaggio dell'universo maschile: +1.337 le imprese femminili che operano nelle attivita' finanziarie, assicurative e immobiliari, +1.055 il saldo delle costruzioni. A livello territoriale, la regione piu' rosa si conferma anche nel secondo trimestre 2013 il Molise (dove quasi il 30% del tessuto produttivo e' femminile), seguita da Abruzzo (27,8%) e Basilicata (27,7%). A livello provinciale emerge il primato di Benevento (in cui 32,3% delle imprese ha una donna al comando), seguita Avellino (32,2%), da Frosinone (30,8%) e da Isernia (poco piu' del 30%). Particolarmente proficuo in termini di diffusione di imprese femminili e' stato l'anno tra giugno 2013-2012 per Prato (dove la variazione percentuale e' stata del +2,62%), Siracusa (+2,40%), Pescara (+2,28%) e Novara (+2,22%). com-rba/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Premio "CambiaMenti" CNA a TRed
Premio "CambiaMenti" CNA a TRed: made in Italy, ricerca, tecnologia
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari