venerdì 20 gennaio | 15:09
pubblicato il 19/mar/2011 10:13

Imprese strategiche/ Marchionne:Le aziende estere lottano di più

Siamo pochi e questo non aiuta. Ci sono approcci diversi.

Imprese strategiche/ Marchionne:Le aziende estere lottano di più

Torino, 19 mar. (askanews) - "Riflette uno sviluppo storico che è molto diffile cambiare adesso, gli altri lottano molto di più". Così l'ad di Fiat Sergio Marchionne risponde sul rischio che le imprese italiane siano figlie di un capitalismo minore e quindi facili preda di appetiti stranieri. "Gli altri lottano molto di piu'" e questo è "un handicap" per le imprese italiane. "Non so se le nostre imprese siano più chiuse" nei confronti dei mercati esteri. "E' che siamo pochi, e questo non aiuta. Gli altri sono di più, sono numerosi e lottano di più. Si tratta di approcci diversi. La Fiat è una di quelle poche industrie nazionali di grande misura", osserva in attesa di presentare al capo dello Stato, Giorgio Napolitano, la nuova Lancia Thema.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"