lunedì 05 dicembre | 14:05
pubblicato il 27/gen/2015 16:42

Imprese sostenibili, quando l'etica aiuta a fare business

A confronto esperienze vincenti di sostenibilità

Imprese sostenibili, quando l'etica aiuta a fare business

Roma, (askanews) - Aziende a confronto sul tema del fare impresa con logiche di etica , di come la sostenibilità sia una base innovativa per competere e ripartire, di come la crisi stessa abbia messo in dubbio tanti asset su cui finora si è basato il fare business. Il dibattito è aperto, e si è provato a fare il punto sulla convenienza di essere oggi azienda responsabile in un convegno a Roma nella sede di Unioncamere. Facendo emergere una realtà di sistema imprenditoriale che già agisce, diffusamente, in maniera sostenibile. Esperienze diverse ma un denominatore comune: essere responsabile oggi è un'esigenza di business, non solo un impegno. Vale per le aziende, e a maggior ragione per l'associazionismo imprenditoriale, come evidenzia Alberto Frausin, amministratore delegato di Carlsberg e presidente di Assobirra: "Carlsberg ha fatto ricerca e innovazione per 140 anni. Tutte le ricerche sono state condivise con il mondo della birra. Quindi tutti i grandi passi storici sono stati fatti insieme. Questo vuol dire sostenibilità, mettere a fattor comune per tutta la categoria e non farne un vantaggio competitivo. Sarà il futuro, ci credo moltissimo ed è la storia della mia azienda", ha detto Frausin.

Ruolo fondamentale, nell'indirizzare verso produzioni e attitudini industriali responsabili, quello della distribuzione, come conferma il presidente di Federdistribuzione Giovanni Cobolli Gigli: "La distribuzione moderna e organizzata in Italia si è strutturata per dimostrare quello che sta facendo in termini di sostenibilità e di sostegno alla produzione italiana", ha sottolineato Cobolli Gigli.

Ma il senso dell'essere responsabile, per un imprenditore, in una visione moderna di impresa, è cercare sempre equilibrio tra il profitto facile oggi e il guardare avanti, alla vita stessa dell'azienda. Mettendo magari al centro il consumatore e la materia prima che si lavora. E' il caso di As do Mar, con il presidente Vito Gulli intervenuto per spiegare ad esempio come pescare solo grandi tonni permette di essere certi che un domani quel business sarà ancora redditizio. Così, nel fare business responsabile si vince dunque sui competitor meno attenti: "Il senso è aver capito che senza non si può - ha detto Gulli -. E non è per un obbligo morale, è per un obbligo economico. Continuo a ribattere sempre su questo punto perché prima di tutto è per dare più credibilità al farlo, perché quando uno si muove per interesse fa più concretamente quello che dice. E l' obbligatorietà del farlo sta nell interesse di un' impresa di esistere oggi, domani, dopodomani, senza questo concetto dopodomani non ci sono più imprese".

Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari