lunedì 23 gennaio | 20:57
pubblicato il 10/giu/2013 17:20

Imprese: Mef, ad aprile aperte 46.934 nuove partite Iva (+0,4%)

(ASCA) - Roma, 10 giu - Nello scorso mese di aprile sono state aperte 46.934 nuove partite Iva con un leggero incremento (+0,4%) rispetto al corrispondente mese dell'anno precedente.

Lo rende noto il Ministero dell'Economia e delle Finanze nella sintesi dei dati di aprile elaborata dall'Osservatorio sulle partite Iva.

In particolare, la distribuzione per natura giuridica evidenzia che la quota relativa alle persone fisiche nelle aperture di partita Iva si attesta al 75,4%, le societa' di capitali salgono al 17,3%. Rispetto al mese di aprile 2012 il consistente aumento delle societa' di capitali (+17,5%) riesce a bilanciare le flessioni dovute alle altre forme giuridiche (societa' di persone -12%), andamento verosimilmente influenzato dalle recenti norme che facilitano la costituzione di societa' a responsabilita' limitata. Relativamente alla ripartizione territoriale delle aperture, prosegue il Rapporto, il 42,4% di esse e' avvenuto al Nord, il 23,1% al Centro ed il 34,4% al Sud ed Isole; il confronto con aprile dello scorso anno mostra una prevalenza di aumenti, anche sensibili (provincia di Trento e Friuli V.G.), sulle flessioni (Val d'Aosta, Liguria, Sicilia). La classificazione per settore produttivo conferma che il commercio registra sempre il maggior numero di aperture di partite Iva: circa il 23% del totale, seguito dalle attivita' professionali (14,1%), agricoltura ed edilizia. Rispetto al corrispondente mese del 2012, tra i settori principali e' degno di nota il forte aumento (+80%) delle attivita' finanziarie/assicurative; apprezzabili incrementi anche per alloggio e ristorazione (+9,5%) ed immobiliare (+8%), mentre le flessioni decise per l'edilizio, che continua la sua fase negativa, (-13,1%) e trasporti (-10,4%). Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione per sesso e' sempre stabile, con i maschi cui appartiene il 63% di aperture di partite Iva. La meta' delle aperture e' dovuta a giovani fino a 35 anni ed un terzo alla classe 36-50 anni.

Rispetto all'aprile del 2012 le classi estreme (fino a 35 ed oltre i 65 anni) segnano leggere flessioni e solo la classe 51-65 anni mostra un apprezzabile aumento di aperture.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4