venerdì 24 febbraio | 13:46
pubblicato il 10/giu/2013 17:20

Imprese: Mef, ad aprile aperte 46.934 nuove partite Iva (+0,4%)

(ASCA) - Roma, 10 giu - Nello scorso mese di aprile sono state aperte 46.934 nuove partite Iva con un leggero incremento (+0,4%) rispetto al corrispondente mese dell'anno precedente.

Lo rende noto il Ministero dell'Economia e delle Finanze nella sintesi dei dati di aprile elaborata dall'Osservatorio sulle partite Iva.

In particolare, la distribuzione per natura giuridica evidenzia che la quota relativa alle persone fisiche nelle aperture di partita Iva si attesta al 75,4%, le societa' di capitali salgono al 17,3%. Rispetto al mese di aprile 2012 il consistente aumento delle societa' di capitali (+17,5%) riesce a bilanciare le flessioni dovute alle altre forme giuridiche (societa' di persone -12%), andamento verosimilmente influenzato dalle recenti norme che facilitano la costituzione di societa' a responsabilita' limitata. Relativamente alla ripartizione territoriale delle aperture, prosegue il Rapporto, il 42,4% di esse e' avvenuto al Nord, il 23,1% al Centro ed il 34,4% al Sud ed Isole; il confronto con aprile dello scorso anno mostra una prevalenza di aumenti, anche sensibili (provincia di Trento e Friuli V.G.), sulle flessioni (Val d'Aosta, Liguria, Sicilia). La classificazione per settore produttivo conferma che il commercio registra sempre il maggior numero di aperture di partite Iva: circa il 23% del totale, seguito dalle attivita' professionali (14,1%), agricoltura ed edilizia. Rispetto al corrispondente mese del 2012, tra i settori principali e' degno di nota il forte aumento (+80%) delle attivita' finanziarie/assicurative; apprezzabili incrementi anche per alloggio e ristorazione (+9,5%) ed immobiliare (+8%), mentre le flessioni decise per l'edilizio, che continua la sua fase negativa, (-13,1%) e trasporti (-10,4%). Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione per sesso e' sempre stabile, con i maschi cui appartiene il 63% di aperture di partite Iva. La meta' delle aperture e' dovuta a giovani fino a 35 anni ed un terzo alla classe 36-50 anni.

Rispetto all'aprile del 2012 le classi estreme (fino a 35 ed oltre i 65 anni) segnano leggere flessioni e solo la classe 51-65 anni mostra un apprezzabile aumento di aperture.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Alitalia
Alitalia, sindacati: adesione sciopero unanime, azienda tratti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech