giovedì 08 dicembre | 05:46
pubblicato il 10/giu/2013 17:20

Imprese: Mef, ad aprile aperte 46.934 nuove partite Iva (+0,4%)

(ASCA) - Roma, 10 giu - Nello scorso mese di aprile sono state aperte 46.934 nuove partite Iva con un leggero incremento (+0,4%) rispetto al corrispondente mese dell'anno precedente.

Lo rende noto il Ministero dell'Economia e delle Finanze nella sintesi dei dati di aprile elaborata dall'Osservatorio sulle partite Iva.

In particolare, la distribuzione per natura giuridica evidenzia che la quota relativa alle persone fisiche nelle aperture di partita Iva si attesta al 75,4%, le societa' di capitali salgono al 17,3%. Rispetto al mese di aprile 2012 il consistente aumento delle societa' di capitali (+17,5%) riesce a bilanciare le flessioni dovute alle altre forme giuridiche (societa' di persone -12%), andamento verosimilmente influenzato dalle recenti norme che facilitano la costituzione di societa' a responsabilita' limitata. Relativamente alla ripartizione territoriale delle aperture, prosegue il Rapporto, il 42,4% di esse e' avvenuto al Nord, il 23,1% al Centro ed il 34,4% al Sud ed Isole; il confronto con aprile dello scorso anno mostra una prevalenza di aumenti, anche sensibili (provincia di Trento e Friuli V.G.), sulle flessioni (Val d'Aosta, Liguria, Sicilia). La classificazione per settore produttivo conferma che il commercio registra sempre il maggior numero di aperture di partite Iva: circa il 23% del totale, seguito dalle attivita' professionali (14,1%), agricoltura ed edilizia. Rispetto al corrispondente mese del 2012, tra i settori principali e' degno di nota il forte aumento (+80%) delle attivita' finanziarie/assicurative; apprezzabili incrementi anche per alloggio e ristorazione (+9,5%) ed immobiliare (+8%), mentre le flessioni decise per l'edilizio, che continua la sua fase negativa, (-13,1%) e trasporti (-10,4%). Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione per sesso e' sempre stabile, con i maschi cui appartiene il 63% di aperture di partite Iva. La meta' delle aperture e' dovuta a giovani fino a 35 anni ed un terzo alla classe 36-50 anni.

Rispetto all'aprile del 2012 le classi estreme (fino a 35 ed oltre i 65 anni) segnano leggere flessioni e solo la classe 51-65 anni mostra un apprezzabile aumento di aperture.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni