domenica 04 dicembre | 07:50
pubblicato il 28/mag/2014 12:41

Imprese: Intesa Sp, dato fiducia maggio conferma congiuntura disomogenea

(ASCA) - Roma, 28 mag 2014 - ''Il dato conferma che la ripresa non e' ancora diffusa e la situazione congiunturale resta molto disomogenea fra settori e aree geografiche. I servizi e ancor piu' le costruzioni confermano quanto gia' emerso dai dati di contabilita' nazionale ovvero una sostanziale stagnazione nel primo caso e un possibile aggravarsi della recessione nel secondo. D'altro canto, il manifatturiero conferma i segnali di ripresa e il commercio al dettaglio sembra beneficiare delle aspettative di un rilancio della domanda trainato dagli sgravi Irpef''. Questo il commento di Paolo Mameli, Senior economist del servizio studi di Intesa Sanpaolo, sul dato della fiducia delle imprese a maggio.

Il dato complessivo della fiducia delle imprese a maggio e' sceso a 86,9, sui minimi dei 4 mesi.

''In sintesi, l'economia italiana fatica a schiodarsi da una sorta di 'limbo', in bilico tra stagnazione e ripresa.

Tuttavia, riteniamo che in prospettiva il trend resti quello di un miglioramento del tono congiunturale, trainato dal manifatturiero e dal commercio e nonostante un contributo per ora sostanzialmente nullo dai servizi e ancora negativo dalle costruzioni'', conclude Mameli.

red-men/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari