venerdì 24 febbraio | 07:29
pubblicato il 19/mar/2014 10:12

Imprese: InfoCamere, nell'ultimo anno 5 nuove startup al giorno

(ASCA) - Roma, 19 mar 2014 - Nonostante il quadro economico non troppo incoraggiante, c'e' pero' luce in fondo al tunnel.

E un fatto appare incontrovertibile: anche quando le condizioni del mercato non sono certo vantaggiose la voglia d'impresa e il fermento di chi ha buone idee sembra tenere l'urto della crisi. E' quanto emerge dalla lettura effettuata da InfoCamere dei dati della sezione speciale del Registro delle imprese gestito dalle Camere di commercio dedicata alle start-up innovative ad un anno dalla sua creazione. Al 17 marzo scorso hanno toccato quota 1.792 le societa' - costituende o gia' costituite da non oltre 48 mesi - aventi come obiettivo sociale esclusivo o prevalente ''lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico''. A trainare la dinamica, in valore assoluto, e' la Lombardia con 355 unita'. Alle spalle valori elevati presentano l'Emilia-Romagna (202) e il Lazio (187). Sul fronte opposto si incontrano invece Valle d'Aosta, Basilicata e Molise rispettivamente con 6, 9 e 10 soggetti accreditati.

Tra le regioni meridionali e' la Campania, con le sue 83 unita' registrate, quella con l'insieme piu' numeroso, seguita da Puglia (76) e Sicilia (63). La meta' precisa delle imprese innovative italiane (896) sono concentrate in quattro regioni, tutte del Centro-Nord: Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio e Veneto. La provincia piu' attiva e' quella di Milano con 236 startup registrate, segue Roma con 167 poi Torino e Trento rispettivamente con 115 e 73 unita'. 99 province su 105 vedono la presenza di almeno una startup sul loro territorio.

La distribuzione dei dati per forma giuridica mostra come gli startupper nella stragrande maggioranza scelgano prevalentemente la forma giuridica della societa' a responsabilita' a limitata (lo hanno fatto in 1.729 casi pari al 96% del totale). Modesto il contributo fornito dalle societa' per azioni e dalle cooperative rispettivamente con 33 e 27 casi che rappresentano l'1,8 e l'1,5% del totale. Oltre il 30% del totale di aziende ''innovative'' iscritte in questi ultimi dodici mesi e' dato dalle attivita' legate alla produzione di software e la consulenza informatica, dove al 17 marzo si contano 546 imprese. Molto vivace appare anche il comparto della ''Ricerca e sviluppo'' (312 unita', 17,4%).

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech