domenica 04 dicembre | 20:05
pubblicato il 15/nov/2011 15:07

Imprese, Ermolli: Bahrain porta di accesso per l'area del Golfo

Promos organizza a Milano il primo business forum Italia-Bahrain

Imprese, Ermolli: Bahrain porta di accesso per l'area del Golfo

Quando in tempo di crisi la crescita dell'interscambio commerciale tra due paesi come Italia e Bahrain tocca l'86% rispetto all'anno prima è chiaro che quel paese diventa un partner economico di rilievo. Proprio per questo, la Promos, azienda speciale della Camera di Commercio di Milano insieme al Bahrain Economic Development Board ha organizzato a Milano il primo "Italian - Bahraini Business Forum". Bruno Ermolli, presidente di Promos, ci spiega cosa offre prima di tutto il nostro PaeseAttraverso una tavola rotonda prima e circa 150 incontri business to business subito dopo, l'appuntamento organizzato da Promos punta a rafforzare le relazioni focalizzate soprattutto su alcuni settoriErmolli non ha dubbi che anche in un momento di difficoltà economica come quello che sta vivendo l'Italia continuare a puntare sui paesi del Mediterraneo allargato sia importante. L'Italia oggi per il Bahrain rappresenta il quinto Paese per import ed export; l'interscambio commerciale, pari a 212 milioni di euro nel primo semestre 2011, vede Milano giocare un ruolo di primo piano con circa il 10% del totale delle importazioni e quasi il 13% delle esportazioni a livello nazionale.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari