venerdì 24 febbraio | 21:23
pubblicato il 08/lug/2016 12:56

Imprese, Cribis D&B: in II trimestre 3.740 fallite (-2,5%)

Da inizio anno ad oggi in tribunale 7.343 imprese, 58 al giorno

Imprese, Cribis D&B: in II trimestre 3.740 fallite (-2,5%)

Roma, 8 lug. (askanews) - Nel secondo trimestre dell'anno 3.740 imprese hanno portato i libri in tribunale, il 2,5% in meno rispetto al 2015, quando i fallimenti hanno toccato quota 3.777 e da inizio anno ad oggi sono fallite 7.343 aziende: 58 al giorno in media. E' quanto è emerso in sintesi dall'Analisi dei fallimenti in Italia, aggiornata a fine giugno 2016, realizzata da Cribis D&B, la società del Gguppo Crif specializzata nella business information.

Rispetto al 2014 il calo dei fallimenti è del 7,6%. Rimane però un ampio gap negativo rispetto al 2009: se confrontiamo i dati odierni con quelli di 7 anni fa i fallimenti sono cresciuti del 59,9%.

La distribuzione sul territorio nazionale dei fallimenti è strettamente correlata alla densità di imprese attive nelle diverse aree del Paese. La Lombardia, con una incidenza sul totale Italia del 20,2%, si conferma la regione d'Italia con il maggior numero di fallimenti con 1.480 casi nel corso del 2016. Dal 2009 ad oggi si contano 20.883 imprese lombarde fallite.

La seconda regione più colpita è il Lazio, con 866 imprese chiuse nel 2016 e un'incidenza sul totale Italia dell'11,8%. Segue il Veneto con 640 casi e relativa incidenza del 8,7%. A seguire, per completare le prime dieci posizioni, la Campania con 636 fallimenti, la Toscana (592), l'Emilia Romagna (529), il Piemonte (491), la Sicilia (464), la Puglia (354) e le Marche (245).

Il commercio al dettaglio è il settore più in crisi con i suoi 2.261 fallimenti nel corso del 2016, con un calo però del 4,8% rispetto ad un anno fa. Segue l'edilizia con 1.480 casi e un calo del 6% rispetto allo stesso periodo del 2015. E' poi il turno dell'industria, con 1.469 casi e un meno 0,5% registrato nell'ultimo anno. I servizi vari infine chiudono la classifica con 1.090 imprese che hanno portato i libri in tribunale e un aumento del 3,9% rispetto al 2015.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Mediaset
Mediaset, Vivendi: esposto infondato dei Berlusconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech